Lampre Merida TDF Race Report: Pra Loup, Valls e Durasek in avanscoperta senza paura pubblicato il 22/07/2015
Team LAMPRE-MERIDA

Pra Loup, Valls e Durasek in avanscoperta senza paura

Pra Loup, Valls and Durasek attacked without fear

22 luglio 2015 

Dopo un giorno di riposo trascorso dalla LAMPRE-MERIDA in un'atmosfera felice grazie al successo di Rubén Plaza a Gap, il Tour de France ha ripreso la sua marcia con la 17^tappa, la Digne les Bains-Pra Loup (161 km), frazione già nota a molti dei corridori impegnati nella Grande Boucle in quanto lo stesso percorso era stato proposto nel Criterium del Delfinato 2015.

Tante energie nelle gambe dei corridori e tanta voglia di andare all'attacco: la battaglia per andare in fuga è iniziata subito dopo l'avvio della gara e anche tra le fila blu-fucsia-verdi lo sprito propositivo è stato ai massimi livelli, con Valls e Durasek (secondo al passaggio sul Col des Leques, 1° Gpm di giornata) molto attivi nella sequenza di scatti e controscatti che ha caratterizzato i primi 40 km di gara.

La fuga buona è finalmente nata sulla seconda ascesa della tappa, il Col de Toutes Aures, con ben 28 membri e con la presenza di Valls e Durasek. Il croato ha provato con Pauwels e Herrada un contrattacco sulla terza salita di giornata (Col de la Colle Saint Michel), ma il gruppo degli attaccanti è ritornato compatto in discesa.
E' toccato poi a Valls (foto Bettini) cercare il colpo risolutivo, andando all'inseguimento dell'allungo di Geschke: purtroppo, lo spagnolo non ha completato l'aggancio a quella rivelatasi l'azione vincente.

Mancata l'occasione di rimanere in testa alla corsa, Valls ha tagliato il traguardo al 19° posto, raggiunto da Quintana e Froome, quest'ultimo saldamente in maglia gialla.
Durasek ha completato la prova in 53^posizione.

"Partenza a ritmi altissimi e tanti scatti: Rafael e io siamo riusciti con grinta a essere presenti nella fuga - ha spiegato Durasek - Nonostante fossi nel gruppo di attaccanti, sapevo che la mia condizione oggi non era al massimo, quindi mi sono mosso in accordo con Valls per provare a favorire un suo risultato. 
Il nostro tentativo non è andato a buon fine, peccato".

Valls ha sottolineato come: "Per andare in fuga oggi si sono spese molte energie, perché l'avvio di gara è stato ad alta velocità. In fuga c'erano corridori dall'ottima condizione, io stavo abbastanza bene e ho potuto contare sull'appoggio di Durasek.
Geschke è andato fortissimo, io ho provato a cogliere il momento giusto per muovermi, ma avrei dovuto trovare una giornata di grazia per poter competere per un gran risultato: ho trovato solo una buona giornata, ma non è bastata".

ORDINE D'ARRIVO
1- Geschke 4h12'17"
2- Talansky 32"
3- Uran 1'01"
4- Pinot 1'36"
5- Frank 1''40"
19- Valls 7'16"
50- Plaza 19'26, 53- Durasek s.t., 55- Oliveira 15'40", 97- Bono 22'13", 117- Pozzato 29'54", 122- Serpa s.t., 123- Cimolai s.t.

CLASSIFICA GENERALE
1- Froome 69h06'49"
2- Quintana 3'10"
3- Valverde 4'09"
4- Thomas 6''34"
5- Contador 6'40"
40- Plaza 1h31'17"

 

After that LAMPRE-MERIDA spent a happy rest day thanks to the victory of Rubén Plaza in Gap, the Tour de France's riders came back on the roads for the 17th stage, 161 km from Digne les Bains-Pra Loup, which had been already covered in the Critérium du Dauphiné 2015.

The riders started the stage with a battling mood and their legs seemed to be full of energies, since the early kilometers were characterized by many attacks.
For LAMPRE-MERIDA, the two most fighting cyclists were Valls (photo Bettini) and Durasek: the Croatian was 2nd in the summit of the first climb of the course (Col des Leques), then the blue-fucshia-green duo was in the breakaway which succeded in escaping from the bunch on the second climb of the race (Col de Toutes Aures).
Durasek counter attacked with Pauwels and Herrada on the third climb (Col de la Colle Saint Michel), but the action was neutralized.
Later, it was Valls's turn to try to made the winning move, chasing the German counter-attacker Geschke. Valls could not join the attacker (who won the stage) and his action lost efficiency: he completed the race in 19th position, while Durasek was 53rd.

"We covered the first part of a stage pedaling at a very high speed and the breakaway began after many attack attempts - Durasek explained - Rafael and me were tenacious in bening constantly in the head position of the peloton and finally we joined the main breakaway.
I was aware that my condition was not at the top, so I gave my support to Valls. Unfortunately, we could not achieve a good result"

Valls said that: "It was necessary to spend many energies to be in the main breakaway, because of the bunch of attacks which characterized the early kilometers of the race. 
I had good feelings and I could rely on a team mate such Durasek in the breakaway, however it was not enough, because Geschke was very strong today. I would have need to live exploit an amazing condition, but today was not one of those days".

STAGE RESULTS
1- Geschke 4h12'17"
2- Talansky 32"
3- Uran 1'01"
4- Pinot 1'36"
5- Frank 1''40"
19- Valls 7'16"
50- Plaza 19'26, 53- Durasek s.t., 55- Oliveira 15'40", 97- Bono 22'13", 117- Pozzato 29'54", 122- Serpa s.t., 123- Cimolai s.t.

OVERALL CLASSIFICATION
1- Froome 69h06'49"
2- Quintana 3'10"
3- Valverde 4'09"
4- Thomas 6''34"
5- Contador 6'40"
40- Plaza 1h31'17"

sito internet: www.teamlampremerida.com




 ;

L'ASTANA PRO TEAM VINCE LA PRIMA EDIZIONE DEL GIRO D'ITALIA VIRTUAL [...] GIRO D’ITALIA VIRTUAL BY ENEL: SABATO SI APRE LA CACCIA ALLA MAGLIA [...] RCS SPORT POSTICIPA LA DATA DEL GIRO D’ITALIA 2020 24a Gran Fondo Via del Sale: Nuova data 11 ottobre 2020 Anche noi [...]