Polanc, fuga da 5^piazza in classifica alla Vuelta pubblicato il 20/08/2021
 

 

In Norvegia, 5° posto di tappa per Bystrom

 Tour of NorwayVuelta a Espana - Friday 20 August, 2021

 

 
 

Nella 7^tappa della Vuelta a Espana (Gandia-Balcon de Alicante, 152 km con ben 6 Gpm, tra i quali l’arrivo in salita) Jan Polanc ha cercato il bersaglio grosso affidandosi alla sua specialità, ovvero la fuga a lunga gittata, soluzione che gli ha consentito di vincere in carriera due tappe del Giro d’Italia e di indossare per due giorni la maglia rosa.
 
Dopo 50 chilometri dalla partenza, lo sloveno dell’UAE Team Emirates è riuscito a rientrare, in compagnia d Matteo Trentin altri 21 atleti, sui 6 attaccanti che avevano precedentemente preso il comando della corsa, dando vita così a quella che si è rivelata essere la fuga decisiva.
Polanc ha provato a tenere duro, con un occhio al risultato di giornata e l’altro alla classifica generale: al traguardo (posto in cima a una salita di 8,4 km al 6,4% di pendenza meda, ma con picchi vicini all’11%), l’atleta dell’UAE Team Emirates ha colto il 10° posto, a 2’29” dal vincitore Michael Storer (Team DSM), risultato che ha consentito a Polanc di scalare 12 posizioni in classifica generale e sistemarsi in 5^piazza, a 38” da Primoz Roglic (Jumbo-Visma).
 
Buon prova anche da parte di David De La Cruz, al traguardo in compagnia dei migliori uomini della classifica generale (20° a 3’33” dal vincitore, stesso tempo della maglia rossa Roglic). In classifica generale, De La Cruz è 14° (+2’14”).
 
Polanc: “Stamane sapevamo che un’eventuale fuga avrebbe avuto buone possibilità di giungere altraguardo. Tra i battistrada non si è instaurata una grande collaborazione, ma Trentin è stato superlative e ha dato comunque un buon impulso all’azione. 
Non ho trovato personalmente una grande giornata dal punto di vista delle sensazioni, ma in generale ho una buona condizione che spero di poter sfruttare per provarci ancora”.
 
L’8^tappa della Vuelta non presenterà Gpm: partenza da Santa Pola e arrivo a La Manga del Mar Menor, per 173,7 km che si svilupperanno quasi tutti lungo la costa mediterranea.
 
Ordine d’arrivo 7^tappa
1. Michael Storer (Team DSM) 4h10’13”
2. Carlos Verona (Movistar) + 21”
3. Pavel Sivakov (Ineos-Grenadiers) + 59”
10. Jan Polanc (UAE Team Emirates) +2’29”
 
Classifica generale dopo la 7^tappa
1. Primoz Roglic (Jumbo-Visma) 25h18’35”
2. Felix Grosschartner (Bora-hansgrohe) +8”
3. Enric Mas (Movistar) +25”
5. Jan Polanc (UAE Team Emirates) +38”
 
Buono spunto di Sven Erik Bystrøm nella 2^tappa del Tour of Norway.
L’ex campione nazionale norvegese, reduce da un serio infortunio occorso a giugno nell’edizione 2021 dei campionati nazionali (frattura di sei vertebre), ha chiuso in 5^posizione la 2^tappa della corsa scandinava con partenza da Sirdal (Tjørhomfjellet) e arrivo a Sirdal (Fidjeland) dopo 185,3 km.
 
Bystrøm ha potuto beneficiare del supporto della squadra, rifinito dal compagno Alexander Kristoff nell’ultimo chilometro, ovvero un rettilineo in costante ascesa nel quale i corridori del gruppo hanno dato vita a una lunga volata.
Lanciato da Kristoff, Bystrøm ha provato a giocare d’anticipo, prendendo la testa dell’allungato plotone e mantenendola fino ai 100 metri conclusivi, nei quali è stato superato dal vincitore Ethan Hayter (Ineos-Grenadiers), da Tosh Van der Sande (Lotto-Soudal), da Mike Teunissen (Jumbo-Visma) e, proprio sulla linea del traguardo, da Ide Schelling (Bora-hansgrohe).
 
Con la seconda vittoria in altrettante tappe, Hayter rimane saldamente al comando della classifica generale, nella quale Bystrøm occupa la 10^posizione con un ritardo di 41”.
 
Bystrøm: “Conosco molto bene il percorso della tappa di oggi, dato che abbiamo pedalato a lungo sulle strade dove di solito mi alleno. 
Vegard Stake Laengen e Alexander Kristoff hanno lavorato in maniera perfetta per portarmi nella migliore posizione possibile in vista dell’ascesa finale. In quel momento, mi sono forse fatto prendere un po’ troppo dall’entusiasmo, iniziando la mia progressione quando mancavano ancora 700 metri al traguardo, venendo superato da 4 avversari solo negli ultimi 100 metri. 
Sono contento per le risposte che mi hanno dato le mie gambe ma, analizzando meglio il finale, devo ammettere che avrei dovuto muovermi con più pazienza. 
Ci sono ancora due tappe da disputare, proverò a dare il meglio per rimanere nei quartieri alti della classifica generale”.
 
Percorso dal profilo altimetrico frastagliato nella 3^frazione, con partenza e arrivo a Jørpeland, per una lunghezza di 159,9 km.
 
Ordine d’arrivo 2^tappa
1. Ethan Hayter (Ineos-Grenadiers) 4h16’32”
2. Tosh Van der Sande (Lotto-Soudal) s.t.
3. Mike Teunissen (Jumbo-Visma) s.t.
5. Sven Erik Bystrøm (UAE Team Emirates) s.t.
 
Classifica generale dopo la 2^tappa
1. Ethan Hayter (Ineos-Grenadiers) 8h00’42”
2. Ide Schelling (Bora-hansgrohe) +15”
3. Mike Teunissen (Jumbo-Visma) +29”
10. Sven Erik Bystrøm (UAE Team Emirates) + 41”


 

 

 




 ;

McNulty triumphs in steep finale at Valenciana Mads Pedersen tastes his first win of the season in Bess├Ęges La Veneto Classic parla veneto: vince Davide Formolo! LA MAGLIA ROSA TRA I CAPOLAVORI DELLA PINACOTECA DI BRERA