TADEJ POGACAR CONCEDE il BIS al 116° IL LOMBARDIA pubblicato il 07/10/2022



 
TADEJ POGACAR HA VINTO IL 116° IL LOMBARDIA

Como, 8 ottobre 2022 – Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) ha vinto la 116^ edizione de Il Lombardia presented by Eolo, 253km da Bergamo a Como, precedendo sul traguardo Enric Mas Nicolau (Movistar Team) e Mikel Landa Meana (Bahrain Victorious).

RISULTATO FINALE


1 - Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) 253 km in 6h21'22" alla media di 39.804km/h
2 - Enric Mas Nicolau (Movistar Team) s.t.
3 - Mikel Landa Meana (Bahrain Victorious) a 10"

DICHIARAZIONI

Il vincitore Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) ha dichiarato subito dopo il traguardo: 
"E' fantastico ripetere il successo dell'anno scorso. Ho provato ad attaccare sul Civiglio ma Mas era al mio stesso livello. Ero convinto di poterlo battere allo sprint e così è stato. Al Giro dell'Emilia non ero al top dopo il viaggio in Australia per i Campionati Mondiali ma questa settimana la mia condizione è migliorata. Questa vittoria rende il mio 2022 quasi perfetto".
 
#iLombardia
 
Photo Credits: LaPresse

 
SUPER POGACAR CONCEDE IL BIS
Nel giorno dell'addio di Valverde e Nibali, giunti rispettivamente 6° e 24°, lo sloveno conquista il secondo Il Lombardia consecutivo vincendo il duello allo sprint con Mas. Landa completa un podio a forti tinte iberiche



Como, 8 ottobre 2022 – Il Lombardia parla sloveno per la seconda volta consecutiva grazie a Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) che riesce imporsi nella 116^ edizione, 253km da Bergamo a Como, battendo in uno sprint a due Enric Mas Nicolau (Movistar Team). L'azione decisiva è nata a 18km dall'arrivo lungo le rampe del Civiglio ed è stato proprio Pogacar in prima persona ad attaccare dopo che la sua squadra aveva controllato la corsa a partire dall'ascesa di Madonna del Ghisallo.

L'unico corridore in grado di seguire la coppia di testa era Mikel Landa Meana (Bahrain Victorious) ma sull'ultima ascesa di giornata, il San Fermo della Battaglia, il basco era costretto ad alzare bandiera bianca. Sul rettilineo finale Pogacar e Mas spuntavano appaiati ma era lo sloveno a sfruttare il suo spunto veloce conquistando la sua terza Classica Monumento in carriera.

A 10" dal duo era Mikel Landa a completare il podio mentre a 52" Sergio Higuita (Bora-Hansgrohe) regolava Carlos Rodriguez Cano (Ineos Grenadiers) nello sprint per il quarto posto. Nell'ultima gara della loro carriera, Alejandro Valverde (Movistar Team) ha chiuso al sesto posto mentre Vincenzo Nibali (Astana Qazaqstan Team) si è piazzato in ventiquattresima posizione.

 

DOWNLOAD
RISULTATO FINALE

1 - Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) 253 km in 6h21'22" alla media di 39.804km/h
2 - Enric Mas Nicolau (Movistar Team) s.t.
3 - Mikel Landa Meana (Bahrain Victorious) a 10"
4 - Sergio Andrés Higuita Garcia (Bora-Hansgrohe) a 52"
5 - Carlos Rodriguez Cano (Ineos Grenadiers) s.t.

 
 

STATISTICHE
 
  • Tadej Pogacar è il primo vincitore di due Il Lombardia consecutivi da Joaquim Rodriguez (2012, 2013). Nel 21° secolo c'erano riusciti in precedenza Michele Bartoli (2002-2003), Paolo Bettini (2005-2006), Damiano Cunego (2007-2008) e Philippe Gilbert (2009-2010)
  • Tadej Pogacar è il primo corridore nella storia a vincere due Tour de France e due Il Lombardia prima di compiere 25 anni. Solo Bernard Hinault alla sua età si è avvicinato allo sloveno con due Tour de France e un Il Lombardia
  • Per la prima volta dal 1905, tre corridori spagnoli hanno chiuso in top 5


DICHIARAZIONI

Il vincitore de Il Lombardia presented by Eolo Tadej Pogacar ha dichiarato in conferenza stampa: 
"Nibali e Valverde hanno chiuso la carriera con una grande prova. Posso considerarmi fortunato ad aver condiviso diverse corse con loro. E' una vittoria importante per me e per tutti i corridori del mio team che hanno lavorato duramente tutto l'anno. Il percorso di quest'anno mi è parso abbastanza differente da quello del 2021, l'ascesa di Civiglio è più dura. Ero fiducioso nelle mie chances allo sprint ma non si può mai dire come può andare al termine di una corsa così lunga. Ero molto stanco ma, vedendo la linea d'arrivo avvicinarsi sempre di più, non ho più sentito dolore. Comunque, sapevo cosa fare e ho dato tutto me stesso. Sono molto felice. E' stata una stagione lunga, ero in forma già a febbraio all'UAE Tour. Penso che oggi e alle Strade Bianche siano state le giornate in cui sono andato più forte. Spero di continuare così la mia carriera, voglio essere competitivo in più gare possibili."

Il secondo classificato, Enric Mas Nicolau, ha detto: "E' un giorno triste perchè oggi si ritira un campione come Alejandro Valverde ma allo stesso tempo sono felice perchè ho chiuso alle spalle di Pogi [Tadej Pogacar] in una Monumento. Ho provato a batterlo allo sprint e in precedenza ho provato ad attaccare in salita. Passo dopo passo si cresce e questo è importante. Le corse di un giorno mi piacciono sempre di più, la Liegi-Bastogne-Liegi, San Sebastian o Il Lombardia saranno un obiettivo in futuro."

Il terzo classificato, Mikel Landa Meana, ha commentato: "Ormai in Italia arrivo sempre terzo! Mi è già successo alla Tirreno-Adriatico e al Giro. Sono felice perchè è un bel risultato. Amo questa corsa anche se prima di questo anno non sono mai riuscito ad arrivarci nella forma di oggi. Quando mi sono trovato alle spalle di Pogacar e Mas ho cominciato a sperare che si guardassero un po' ma sono andati forte anche nel finale. E' bello ritrovarci in due spagnoli sul podio il giorno dell'addio al ciclismo di Valverde." 

 

Primo al passaggio sul Ghisallo, João Pedro Gonçalves Almeida (UAE Team Emirates) si è aggiudicato il Premio Todisco in memoria del giornalista de La Gazzetta dello Sport Pier Luigi Todisco scomparso nel 2011



ù



(Foto: Dario Belingheri)
 
#iLombardia
 
Photo Credits: LaPresse
 

 
 
 

Battuto Mas in volata dopo una gara condotta dall’UAE Team Emirates con gran padronanza
 Il Lombardia - Saturday 8 October, 2022

 
 

 

 

Capolavoro di squadra dell’UAE Team Emirates e firma vincente da grande artista da parte di Tadej Pogačar su Il Lombardia 2022 (Bergamo-Como, 253 km).
Il talento sloveno ha conquistato la sua seconda “Classica delle foglie morte” consecutiva regolando sul lungolago di Como, in una volata a due, Enric Mas (Movistar).
 
Durante tutta la corsa, la formazione emiratina ha mostrato una rassicurante padronanza, controllando dapprima una fuga di 10 corridori, poi conducendo il gruppo con un passo sostenuto lungo le ascese della Madonna del Ghisallo, del San Fermo della Battaglia e nell’approccio al Civiglio, creando una pesante selezione e ponendo le basi per l’allungo di Pogačar ai -19 km dall’arrivi, proprio sulle rampe del Civiglio.
Solo Enric Mas e Mikkel Landa (Bahrain-Victorious) sono riusciti a seguire lo sloveno, poi sull’ultimo passaggio sul San Fermo della Battaglia il discorso per il successo si è ridotto ai soli Pogačar e Mas, fino all’epilogo in volata che ha dato all’UAE Team Emirates il 46 successo stagionale.
 
Pogačar
“E’ stato bellissimo tornare a correre Il Lombardia e ottenere un’altra vittoria, proprio nell’ultima corsa della stagione.
Non riesco neanche ad esprimere quanto sia grato ai tutti i miei compagni di squadra per il fantastico supporto che mi hanno dato oggi: la corsa si è sviluppata proprio nel modo che volevamo, avevo in mente di attaccare sul Civiglio e così ho fatto.
Mas ha dimostrato di essere in grande forma e mi ha seguito fino al traguardo, abbiamo provato a cooperare e poi giocarci il successo in volata. Per fortuna, il risultato del duello è stato diverso da quello del Giro dell’Emilia, ma per giudicare quella corsa va considerato che ero appena tornato dai mondiali australiani: oggi sapevo che le gambe sarebbero state molto buone.
Concludo con un grande successo una stagione quasi perfetta”.

 
Ordine d’arrivo

1. Tadej Pogačar (UAE Team Emirates) 6h21’22”
2. Enric Mas (Movistar) s.t.
3. Mikkel Landa (Bahrain-Victorious) +10”

 

 

 

 

 
MIKEL LANDA PODIUMS AT IL LOMBARDIA!
Bahrain Victorious put on an impressive display at the last Monument of the season, as Mikel Landa took 3rd place on Il Lombardia.
 
The “Classic of the Falling Leaves” started from Bergamo and finished along Como lake after 253km, featuring some changes to the course but maintaining its characteristics of a race that suits the climbers. The initial hilly part in the Prealps around the town of Bergamo saw the attempt of a 10-man breakaway always kept under control by the peloton, particularly by the team of the favourite riders of the day. The attackers were caught approaching one of the iconic climb of the day, the Madonna del Ghisallo (with gradients up to 14%), which proved to be very selective.
 
The remaining riders at the front, among which our leader Mikel Landa, began their battle on the decisive part of the day, the final 30km circuit, to face two ascents of San Fermo della Battaglia and the Civiglio. There, the defending champion Tadej Pogacar (UAE) attacked with 19km to go, with only Eric Mas (Movistar) and Mikel Landa able to keep up with him. The Basque rider managed to retrieve a couple of times once he was dropped by the rivals, until the last ascent of San Fermo, where he couldn’t close the gap before the summit, leaving the duo contending the victory of the 116th Il Lombardia, with Pocagar outsprinting Mas. Landa, at his 11th appearance at this Monument, finally can celebrate a podium result, crossing the finish line in 3rd:
“I’m very happy. I really love this race. It’s probably my favourite one, but I never arrived in the best shape, while this time, I was feeling well and focused. I could enjoy this day. There was one moment that I thought that maybe I could win, as if they were looking at each other, maybe I could surprise them, but on the climbs, I was less strong than them to do that. They were among the favourites, and they proved why they were the strongest. It was a hard day, the pace has always been high, and it was difficult to find the right feeling, but I knew my shape was perfect and that I had just to follow my pace. It was important to end the season with this monumental podium”.
Bahrain Victorious Sports Director Alberto Volpi comments: “The target was the podium, so mission accomplished. It’s nice to end the season with this result. I’m satisfied with the teamwork and very happy for Mikel, as he deserved this podium. It’s good for the team and for him ahead of the off-season.
 
It unfolds as traditionally it happens with IL Lombardia. It’s not easy to keep the focus on this important race at the end of the season, but the guys were super good today with such strong competitors.
 
There was the traditional day’s breakaway and the selection made on Ghisallo, then the challenging final circuit, which was the toughest in the past. The Civiglio was the other key moment of the race. Mikel was attentive on this climb. We got the podium there. He didn’t surrender when the leading duo dropped him. He kept focused and managed to keep the third place”.
 
(All pictures can be used for editorial and non-commercial usages only and are copyright @Sprintcycling @TeamBahrainVictorious)
 
 
IL LOMBARDIA 2022: PARATA DI STELLE PER L'ULTIMA MONUMENTO
La Classica delle Foglie Morte, oltre ad essere l'ultima Classica Monumento dell'anno, rappresenterà la corsa d'addio di Vincenzo Nibali e Alejandro Valverde. Tanti i pretendenti al trono di Tadej Pogacar tra cui Jonas Vingegaard, Julian Alaphilippe, Bauke Mollema e Matej Mohoric. Diretta TV integrale su RAI Sport +HD dalle ore 9:40 con passaggio a RAI 2 alle 15:10. Domenica da Cantù a Cantù la Gran Fondo Il Lombardia con Ghisallo e Sormano.

(Tadej Pogacar, vincitore de Il Lombardia 2021 con arrivo a Bergamo)
 
Bergamo, 7 ottobre 2022 – La 116^ edizione de Il Lombardia presented by Eolo si prospetta come sempre spettacolare grazie ad un cast di prim'ordine che vedrà grandi nomi del ciclismo mondiale darsi battaglia lungo i 253km in programma da Bergamo a Como. 

Il numero 1 sarà sulle spalle di Tadej Pogacar, vincitore dell'edizione dello scorso anno, ma sono tanti i pretendenti al trono del corridore sloveno tra cui Jonas Vingegaard (vincitore del Tour de France), Enric Mas (a segno nel recente Giro dell'Emilia), Julian Alaphilippe (secondo nell'edizione 2017), Bauke Mollema (vincitore dell'edizione 2019), Jakob Fuglsang (vincitore dell'edizione 2020), Matej Mohoric (vincitore della Milano-Sanremo nonchè secondo ieri al Gran Piemonte), Sergio Higuita (secondo alla Tre Valli Varesine), Damiano Caruso, Rigoberto Uran, Romain Bardet, Domenico Pozzovivo, Adam Yates, Filippo Zana (Campione Nazionale Italiano) e Giulio Ciccone.

Menzione speciale per Vincenzo Nibali e Alejandro Valverde, due campioni che hanno scelto Il Lombardia come ultima tappa della loro splendida carriera.


 
(Foto: Sprint Cycling Agency)

DOWNLOAD
IL PERCORSO DE IL LOMBARDIA PRESENTED BY EOLO

 

Partenza da Bergamo in direzione val Seriana per un breve tratto pianeggiante prima di
affrontare una serie di salite nelle Prealpi attorno alla città. Si concatenano senza respiro il Forcellino di Bianzano (Valle Rossa), la salita di Ganda, il Passo della Crocetta a Dossena, la Forcella di Bura e il Colle di Berbenno che conclude questa prima serie di asperità coprendo oltre il 50% del dislivello complessivo della corsa. Segue una breve pianura che immette nella zona del Lago di Como che viene risalito da Lecco per arrivare a Bellagio dove inizia la salita classica del Ghisallo. Salita con pendenze fino al 14% su strada ampia con diversi tornanti. La discesa, molto veloce, si svolge per lunghi rettilinei termina a Maglio. Tratto tutto in leggera discesa per raggiungere Como dove la corsa percorrerà un circuito finale di 22 km. Si supera l’abitato di Como per affrontare una prima volta San Fermo della Battaglia (m 397), discendere su Como (percorrendo così quelli che al secondo passaggio saranno gli ultimi km) e transitare sul traguardo. Circa un chilometro dopo si affronta la dura salita verso Civiglio (614 m) con pendenze praticamente sempre attorno al 10% per ridiscendere e riattraversando Como superare per la seconda volta la salita di San Fermo della Battaglia.

Ultimi km
Ultimi 10 km che iniziano dentro l’abitato di Como, si seguono larghi vialoni fino al sottopasso ferroviario dove inizia la salita finale di San Fermo della Battaglia. La pendenza è attorno al 7% (max 10%) con carreggiata ristretta e fondo stradale ruvido. Si superano diversi tornanti fino allo scollinamento che avviene attorno ai 5 km dall’arrivo. La discesa su strada larga, ben pavimentata incontra due gallerie ben illuminate e due ampie rotatorie, termina all’ultimo chilometro. Ai 600 m dall’arrivo ultima ampia curva verso sinistra.

 


COPERTURA TV
La produzione televisiva RCS Sport / EMG coprirà integralmente la "Classica delle Foglie Morte" dalla partenza a Bergamo fino all'arrivo sul lungolago di Como.
 
In Italia la RAI seguirà la corsa dalle 9:40 su RAI Sport +HD per poi passare dalle 15:10 su RAI 2.

A livello europeo la copertura live sarà garantita anche dal network Discovery, sulla piattaforma lineare di Eurosport e su quella web GCN. Tra i canali europei, gli svizzeri di SRG SSR e i belgi di RTBF e VTM Medialaan, oltre a trasmettere l'evento, saranno presenti on-site con i propri commentatori per una copertura ancora più da vicino.

Gli appassionati di tutto il mondo potranno seguire Il Lombardia presented by Eolo su DirecTV in Sud America, su Supersport in Sud Africa e su J Sports in Giappone. Anche il network BeIN ha voluto includere la classica autunnale nella propria programmazione.

DOMENICA DA CANTÙ A CANTÙ LA GRAN FONDO IL LOMBARDIA
È quasi tutto pronto per la Gran Fondo Il Lombardia di domenica 10 ottobre. La corsa per amatori prevede partenza da e arrivo a Cantù, con le salite iconiche del Ghisallo e di Sormano.

La Gran Fondo si svolgerà il giorno dopo la Classica delle Foglie Morte mentre il villaggio a Como aprirà i battenti già sabato per il ritiro pacchi gara. Maggiori informazioni sul sito www.gflombardia.it

 

 
#ILombardia
 
Photo Credits: LaPresse



 ;



Foto
SUPER POGACAR CONCEDE IL BIS © Photo La Presse - Photo Dario Belingheri
SUPER POGACAR CONCEDE IL BIS © Photo La Presse - Photo Dario Belingheri
SUPER POGACAR CONCEDE IL BIS © Photo La Presse - Photo Dario Belingheri
SUPER POGACAR CONCEDE IL BIS © Photo La Presse - Photo Dario Belingheri
SUPER POGACAR CONCEDE IL BIS © Photo La Presse - Photo Dario Belingheri
SUPER POGACAR CONCEDE IL BIS © Photo La Presse - Photo Dario Belingheri
SUPER POGACAR CONCEDE IL BIS © Photo La Presse - Photo Dario Belingheri
SUPER POGACAR CONCEDE IL BIS © Photo La Presse - Photo Dario Belingheri
SUPER POGACAR CONCEDE IL BIS © Photo La Presse - Photo Dario Belingheri
SUPER POGACAR CONCEDE IL BIS © Photo La Presse - Photo Dario Belingheri
SUPER POGACAR CONCEDE IL BIS © Photo La Presse - Photo Dario Belingheri
SUPER POGACAR CONCEDE IL BIS © Photo La Presse - Photo Dario Belingheri
SUPER POGACAR CONCEDE IL BIS © Photo La Presse - Photo Dario Belingheri
SUPER POGACAR CONCEDE IL BIS © Photo La Presse - Photo Dario Belingheri
SUPER POGACAR CONCEDE IL BIS © Photo La Presse - Photo Dario Belingheri
SUPER POGACAR CONCEDE IL BIS © Photo La Presse - Photo Dario Belingheri
SUPER POGACAR CONCEDE IL BIS © Photo La Presse - Photo Dario Belingheri
SUPER POGACAR CONCEDE IL BIS © Photo La Presse - Photo Dario Belingheri
SUPER POGACAR CONCEDE IL BIS © Photo La Presse - Photo Dario Belingheri
TADEJ POGACAR ha vinto il GIRO D'ITALIA edizione 107 - TIM MERLIER [...] LA MAGLIA ROSA TADEJ POGACAR VINCE LA VENTESIMA TAPPA DEL GIRO [...] ANDREA VENDRAME VINCE LA DICIANNOVESIMA TAPPA DEL GIRO D’ITALIA [...] TIM MERLIER VINCE LA DICIOTTESIMA TAPPA DEL GIRO D’ITALIA TADEJ [...]