Il Team Lampre Merida al Giro d'Italia: Niemiec in fuga nella prima parte di gara; Ulissi 12° nella generale pubblicato il 18/05/2016
Team LAMPRE-MERIDA

Niemiec in fuga nella prima parte di gara; Ulissi 12° nella generale

Niemiec attackas in the first part of the stage, Ulissi 12th in the GC

17 maggio 2016 

E' stato Przemyslaw Niemiec a mostrare a lungo i colori blu-fucsia-verdi in testa alla 10^tappa del Giro d'Italia, la Campi di Bisenzio-Sestola di 219 km.

Il percorso della tappa si presentava come impegnativo, visto che proponeva ben tre Gpm di 3^categoria (compreso l'arrivo in salita) e un Gpm di 1^categoria (Pian del Falco, scollinamento a 16 km dal traguardo), con i soli 21 km iniziali di pianura.

Niemiec è fuoriuscito dal gruppo dopo lo scollinamento del primo Gpm di giornata, il Passo della Collina (dopo 34,6 km di corsa), raggiungendo Visconti e Boem: il trio di attaccanti ha dovuto pedalare con buona intensità per distanziare il plotone, dal quale sono successivamente partiti al contrattacco 13 atleti.
Con il gruppo distanziato di oltre 5', i due drappelli di attaccanti si sono riuniti quando al traguardo mancavano 70 km.

Lungo la salita verso il Gpm di Pian del Falco, Niemiec (foto Bettini) ha perso contatto dai battistrada, venendo riassorbito dal plotone e mettendosi al servizio di Diego Ulissi, ma il gruppo dei migliori scalatori non ha avuto la compattezza necessaria per chiudere il divario dai fuggitivi: i coraggiosi di giornata hanno potuto lottare per il successo di tappa, andato al giovane Ciccone.

Diego Ulissi ha tagliato il traguardo nello stesso gruppo degli uomini di classifica, con un ritardo di 2'15" dal vincitore, ottenendo la 18^ posizione.

Nella classifica generale, Ulissi recupera due posti e occupa ora la 12^posizione a 2'53" dalla nuova maglia rosa Jungels.

ORDINE D'ARRIVO
1- Ciccone 5h44'32"
2- Rovny 42"
3- Atapuma 1'20"
4- Brown 1'53"
5- Cunego 2'04"
18- Ulissi 2'15"
43- Conti 4'29", 49- Petilli 7'09", 74- Mori 17'02", 79- Koshevoy 18'35", 94- Niemiec 23'32", 111- Mohoric 27'33", 138- Modolo s.t., 142- Ferrari s.t.

CLASSIFICA GENERALE
1- Jungels 4h19'52"
2- Amador 26"
3- Valverde 50"
4- Kruijswijk s.t.
5- Nibali 52"
12- Ulissi 2'53"

 

Przemyslaw Niemiec was protagonist in the 10th stage of the Giro d'Italia, 2019 km from Campi di Bisenzio to Sestola.

The course of the stage was demanding, considering that the riders covered three Kom of 3rd category (summit arrival included) and one Kom of 1st category (Pian del Falco, summit at 16 km to the arrival) and only 21 km of flat road in the first part of the course.

Niemiec escaped from the peloton just after having reached the top of the first Kom, the Passo della Collina (34,6 km in the stage) reaching Visconti and Boem: the trio suceeded in increasing slowly the advantage on the peloton, from which 13 counter-attackers escaped.
The two attacking groups came together at 70 km to the arrival, while the peloton was chasing with a late of 5'.

On the climb of Pian del Falco, Niemiec (photo Bettini) could not keep the pace of the breakaway mates and he got dropped in the main group, supporting his team mate Ulissi.
However, the top riders group could not bridge the gap to the breakaway, giving to the attackers the opportunity to battle for the victory on the final hill: Ciccone won the stage.
Ulissi reached the arrival in the top riders group, obtaining the 18th place at 2'15" to the winner.

In the general classification, Ulissi is 12th at 2'53" to the new pink jersey Jungels.

STAGE RESULTS
1- Ciccone 5h44'32"
2- Rovny 42"
3- Atapuma 1'20"
4- Brown 1'53"
5- Cunego 2'04"
18- Ulissi 2'15"
43- Conti 4'29", 49- Petilli 7'09", 74- Mori 17'02", 79- Koshevoy 18'35", 94- Niemiec 23'32", 111- Mohoric 27'33", 138- Modolo s.t., 142- Ferrari s.t.

GENERAL CLASSIFICATION
1- Jungels 4h19'52"
2- Amador 26"
3- Valverde 50"
4- Kruijswijk s.t.
5- Nibali 52"
12- Ulissi 2'53"

sito internet: www.teamlampremerida.com




IMPRESA di GIULIO CICCONE a SESTOLA - BRAMBILLA cede la Maglia ROSA al compagno JUNGELS -  LANDA Stop per gastroenterite - La Maglia AZZURRA torna sulle spalle di CUNEGO - DUMOULIN fuori CLASSIFICA con 13' all'arrivo

 
Sestola (MO) 17 maggio 2016 - La "banda" Reverberi colpisce ancora con il successo, frutto di una grande lavoro di squadra, di Giulio Ciccone, il neoprofessionista perla preziosa del Team Colpack, sotto contratto Bardiani-CSF da appena due mesi, che avviene nel giorno dei giovani in cima al Giro d'Italia, con Bob Jungels che dalla maglia bianca passa a quella rosa.

E' anche il giorno del grande gesto di Gianluca Brambilla che difende i colori della Etixx Quick-Step, lui padrone della maglia rosa conquistata ad Arezzo, 
 lavorando per Bob Jungels, la maglia Bianca che questa sera si è tinta di Rosa.

Giulio Ciccone, impressioni all'arrivo: "La giornata più bella della via mia vita.
Finalmente è arrivata la prima vittoria da prof. in questa giornata durissima.
Ringrazio tutta la mia squadra, una grandissima famiglia che oggi ha espresso grande compattezza.

Ringrazio Nicola Boem che si è sacrificato oggi con un gesto memorabile, staccandosi dalla fuga dov'era, tirando per noi e facendoci rientrare davanti.
Penso di aver ripagato con questa bella vittoria la fiducia che mi hanno dato i Reverberi e gli sponsor del Team Bardiani-CSF.



RIvelazione Giulio Ciccone, professionista da soli 2 mesi, fa sua una vittoria da fuoriclasse al GIro d'Italia

Ordine d'arrivo 10a tappa 99° Giro d'Italia
1    Giulio Ciccone
 (Ita) Bardiani CSF    5:44:32     
2    Ivan Rovny (Rus) Tinkoff Team    0:00:42     
3    Darwin Atapuma (Col) BMC Racing Team    0:01:20     
4    Nathan Brown (USA) Cannondale Pro Cycling    0:01:53     
5    Damiano Cunego (Ita) Nippo - Vini Fantini    0:02:04     
6    Andrey Amador (CRc) Movistar Team    0:02:10     
7    Giovanni Visconti (Ita) Movistar Team    0:02:11     
8    Alejandro Valverde (Spa) Movistar Team          
9    Esteban Chaves (Col) Orica-GreenEdge          
10    Jakob Fuglsang (Den) Astana Pro Team   

11    Rafal Majka (Pol) Tinkoff Team    0:02:15     
12    Steven Kruijswijk (Ned) Team LottoNl-Jumbo          
13    Domenico Pozzovivo (Ita) AG2R La Mondiale          
14    Vincenzo Nibali (Ita) Astana Pro Team          
15    Bob Jungels (Lux) Etixx - Quick-Step          
16    Rigoberto Uran (Col) Cannondale Pro Cycling          
17    Ilnur Zakarin (Rus) Team Katusha          
18    Diego Ulissi (Ita) Lampre - Merida          
19    Sebastian Henao (Col) Team Sky    0:02:20     
20    Stefano Pirazzi (Ita) Bardiani CSF          

21    Igor Anton Hernandez (Spa) Dimension Data          
22    Guillaume Bonnafond (Fra) AG2R La Mondiale          
23    Kanstantsin Siutsou (Blr) Dimension Data    0:02:24     
24    Sergey Firsanov (Rus) Gazprom-Rusvelo    0:02:26     
25    Ryder Hesjedal (Can) Trek-Segafredo          
26    Davide Formolo (Ita) Cannondale Pro Cycling          
27    Michele Scarponi (Ita) Astana Pro Team    0:02:36     
28    Hubert Dupont (Fra) AG2R La Mondiale    0:02:47     
29    Georg Preidler (Aut) Team Giant-Alpecin    0:02:57     
30    Pawel Poljanski (Pol) Tinkoff Team    0:03:08     
31    Riccardo Zoidl (Aut) Trek-Segafredo    0:03:27     
32    Gianluca Brambilla (Ita) Etixx - Quick-Step          
33    Nicolas Roche (Irl) Team Sky    0:04:29     
34    Marcel Wyss (Swi) IAM Cycling          
35    Maxime Monfort (Bel) Lotto Soudal          
36    Andre Cardoso (Por) Cannondale Pro Cycling          
37    Carlos Verona (Spa) Etixx - Quick-Step          
38    Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale          
39    Andrey Zeits (Kaz) Astana Pro Team          
40    Joe Dombrowski (USA) Cannondale Pro Cycling          
41    Tanel Kangert (Est) Astana Pro Team          
42    Pavel Kochetkov (Rus) Team Katusha          
43    Valerio Conti (Ita) Lampre - Merida          
44    Egor Silin (Rus) Team Katusha          
45    Jesus Hernandez (Spa) Tinkoff Team    0:04:46     
46    Jelle Vanendert (Bel) Lotto Soudal    0:06:37     
47    Manuel Senni (Ita) BMC Racing Team          
48    Manuele Boaro (Ita) Tinkoff Team    0:07:09     
49    Simone Petilli (Ita) Lampre - Merida          
50    David De La Cruz (Spa) Etixx - Quick-Step    0:09:28     
51    Axel Domont (Fra) AG2R La Mondiale    0:10:02     
52    Jose Joaquin Rojas (Spa) Movistar Team    0:11:33     
53    Carlos Betancur (Col) Movistar Team          
54    Christian Knees (Ger) Team Sky          
55    Davide Malacarne (Ita) Astana Pro Team          
56    Enrico Battaglin (Ita) Team LottoNl-Jumbo          
57    Primoz Roglic (Slo) Team LottoNl-Jumbo          
58    Amets Txurruka (Spa) Orica-GreenEdge    0:12:07     
59    José Herrada (Spa) Movistar Team          
60    Damien Howson (Aus) Orica-GreenEdge          
61    Valerio Agnoli (Ita) Astana Pro Team    0:13:00     
62    Alexander Foliforov (Rus) Gazprom-Rusvelo          
63    Moreno Moser (Ita) Cannondale Pro Cycling          
64    Alberto Bettiol (Ita) Cannondale Pro Cycling          
65    Bakhtiyar Kozhatayev (Kaz) Astana Pro Team          
66    Tobias Ludvigsson (Swe) Team Giant-Alpecin          
67    Evgeny Petrov (Rus) Tinkoff Team          
68    Cristian Rodriguez (Spa) Wilier Triestina-Southeast          
69    Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo          
70    Tom Dumoulin (Ned) Team Giant-Alpecin          
..     
 
Bob Jungels, un lussemburghese in maglia rosa

Classifica Generale  dopo 10 tappe del 99° Giro d'Italia
1    Bob Jungels (Lux) Etixx - Quick-Step    40:19:52     
2    Andrey Amador (CRc) Movistar Team    0:00:26     
3    Alejandro Valverde (Spa) Movistar Team    0:00:50     
4    Steven Kruijswijk (Ned) Team LottoNl-Jumbo          

5    Vincenzo Nibali (Ita) Astana Pro Team    0:00:52     
6    Gianluca Brambilla (Ita) Etixx - Quick-Step    0:01:11     
7    Rafal Majka (Pol) Tinkoff Team    0:01:44     
8    Jakob Fuglsang (Den) Astana Pro Team    0:01:46     
9    Ilnur Zakarin (Rus) Team Katusha    0:02:08     
10    Esteban Chaves (Col) Orica-GreenEdge    0:02:26

11    Domenico Pozzovivo (Ita) AG2R La Mondiale    0:02:27     
12    Diego Ulissi (Ita) Lampre - Merida    0:02:53     
13    Rigoberto Uran (Col) Cannondale Pro Cycling    0:02:55     
14    Ryder Hesjedal (Can) Trek-Segafredo    0:03:39     
15    Stefano Pirazzi (Ita) Bardiani CSF    0:04:10     
16    Kanstantsin Siutsou (Blr) Dimension Data    0:04:16     
17    Sergey Firsanov (Rus) Gazprom-Rusvelo    0:04:42     
18    Giovanni Visconti (Ita) Movistar Team          
19    Davide Formolo (Ita) Cannondale Pro Cycling    0:05:32     
20    Tanel Kangert (Est) Astana Pro Team    0:06:53     
21    Carlos Verona (Spa) Etixx - Quick-Step    0:07:01     
22    Maxime Monfort (Bel) Lotto Soudal    0:07:04     
23    Igor Anton Hernandez (Spa) Dimension Data    0:07:09     
24    Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale    0:07:16     
25    Michele Scarponi (Ita) Astana Pro Team    0:07:40     
26    Nicolas Roche (Irl) Team Sky    0:09:00     
27    Hubert Dupont (Fra) AG2R La Mondiale    0:10:03     
28    Darwin Atapuma (Col) BMC Racing Team    0:10:53     
29    Tom Dumoulin (Ned) Team Giant-Alpecin    0:11:42     
30    Sebastian Henao (Col) Team Sky    0:11:57    
 
31    Marcel Wyss (Swi) IAM Cycling    0:12:34     
32    Andre Cardoso (Por) Cannondale Pro Cycling    0:12:38     
33    David De La Cruz (Spa) Etixx - Quick-Step    0:12:44     
34    Valerio Conti (Ita) Lampre - Merida    0:14:21     
35    Pavel Kochetkov (Rus) Team Katusha    0:14:25     
36    Pawel Poljanski (Pol) Tinkoff Team    0:14:53     
37    Georg Preidler (Aut) Team Giant-Alpecin    0:17:31     
38    Andrey Zeits (Kaz) Astana Pro Team    0:18:16     
39    Ivan Rovny (Rus) Tinkoff Team    0:18:45     
40    Egor Silin (Rus) Team Katusha    0:23:21     
41    Rein Taaramae (Est) Team Katusha    0:26:26     
42    Nathan Brown (USA) Cannondale Pro Cycling    0:26:56     
43    Manuele Boaro (Ita) Tinkoff Team    0:27:01     
44    Tobias Ludvigsson (Swe) Team Giant-Alpecin    0:27:50     
45    Davide Malacarne (Ita) Astana Pro Team    0:29:01     
46    Jose Joaquin Rojas (Spa) Movistar Team    0:29:32     
47    Merhawi Kudus (Eri) Dimension Data    0:30:04     
48    Enrico Battaglin (Ita) Team LottoNl-Jumbo    0:30:32     
49    Valerio Agnoli (Ita) Astana Pro Team    0:30:50     
50    Joe Dombrowski (USA) Cannondale Pro Cycling    0:31:51     
51    Guillaume Bonnafond (Fra) AG2R La Mondiale    0:31:56     
52    Bram Tankink (Ned) Team LottoNl-Jumbo    0:33:03     
53    Evgeny Petrov (Rus) Tinkoff Team    0:33:56     
54    Damien Howson (Aus) Orica-GreenEdge    0:34:09     
55    Damiano Cunego (Ita) Nippo - Vini Fantini    0:35:18     
56    Moreno Moser (Ita) Cannondale Pro Cycling    0:35:55     
57    Riccardo Zoidl (Aut) Trek-Segafredo    0:35:58     
58    Carlos Betancur (Col) Movistar Team    0:38:32     
59    Manuele Mori (Ita) Lampre - Merida    0:40:25     
60    Giulio Ciccone (Ita) Bardiani CSF    0:42:23     
61    Stefan Kueng (Swi) BMC Racing Team    0:42:49     
62    Amets Txurruka (Spa) Orica-GreenEdge    0:44:22     
63    Matteo Busato (Ita) Wilier Triestina-Southeast    0:44:38     
64    Mikel Nieve (Spa) Team Sky    0:45:40     
65    Jesus Hernandez (Spa) Tinkoff Team    0:45:44     
66    Axel Domont (Fra) AG2R La Mondiale    0:46:07     
67    Pieter Serry (Bel) Etixx - Quick-Step    0:46:58     
68    Bakhtiyar Kozhatayev (Kaz) Astana Pro Team    0:46:59     
69    Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo    0:47:17     
70    Simone Petilli (Ita) Lampre - Merida    0:48:05     
71    Przemyslaw Niemiec (Pol) Lampre - Merida    0:49:07     
72    Christian Knees (Ger) Team Sky    0:51:29     
73    Manuel Senni (Ita) BMC Racing Team    0:52:43     
74    Matteo Trentin (Ita) Etixx - Quick-Step    0:53:08     
75    Francesco Manuel Bongiorno (Ita) Bardiani CSF    0:53:22     
76    Hugo Houle (Can) AG2R La Mondiale    0:53:46     
77    Alberto Bettiol (Ita) Cannondale Pro Cycling    0:54:11     
78    Simon Clarke (Aus) Cannondale Pro Cycling    0:55:36     
79    Adam Hansen (Aus) Lotto Soudal    0:55:53     
80    Ruben Plaza (Spa) Orica-GreenEdge    0:56:20     
81    Kristian Sbaragli (Ita) Dimension Data    0:57:01     
82    Alexander Foliforov (Rus) Gazprom-Rusvelo    0:57:09     
83    Primoz Roglic (Slo) Team LottoNl-Jumbo    0:58:06     
84    Nikias Arndt (Ger) Team Giant-Alpecin    0:58:24     
85    Chad Haga (USA) Team Giant-Alpecin    0:59:05     
86    Sonny Colbrelli (Ita) Bardiani CSF    0:59:32     
87    José Herrada (Spa) Movistar Team    1:00:26     
88    Heinrich Haussler (Aus) IAM Cycling    1:00:28     
89    Jaco Venter (RSA) Dimension Data    1:00:30     
90    Ian Boswell (USA) Team Sky    1:00:38     
91    Tim Wellens (Bel) Lotto Soudal    1:01:00     
92    Manuel Belletti (Ita) Wilier Triestina-Southeast    1:01:14     
93    Lars Ytting Bak (Den) Lotto Soudal    1:01:20     
94    Sean De Bie (Bel) Lotto Soudal    1:01:22     
95    Jelle Vanendert (Bel) Lotto Soudal    1:02:06     
96    Giacomo Berlato (Ita) Nippo - Vini Fantini    1:02:20     
97    Sacha Modolo (Ita) Lampre - Merida    1:03:15     
98    Cristian Rodriguez (Spa) Wilier Triestina-Southeast    1:03:31     
99    Filippo Pozzato (Ita) Wilier Triestina-Southeast    1:04:12     
100    Jos Van Emden (Ned) Team LottoNl-Jumbo    1:04:17     
101    Eugenio Alafaci (Ita) Trek-Segafredo    1:04:36     
102    Giacomo Nizzolo (Ita) Trek-Segafredo    1:05:00     
103    Jay McCarthy (Aus) Tinkoff Team    1:05:17     
104    Mirco Maestri (Ita) Bardiani CSF    1:05:37     
..
107    Alessandro Bisolti (Ita) Nippo - Vini Fantini    1:06:14     
...
113    Alessandro De Marchi (Ita) BMC Racing Team    1:09:29     
...
116    Liam Bertazzo (Ita) Wilier Triestina-Southeast    1:10:24     
...
119    Matteo Tosatto (Ita) Tinkoff Team    1:11:01     
120    Eugert Zhupa (Alb) Wilier Triestina-Southeast    1:11:57     
121    Manuel Quinziato (Ita) BMC Racing Team    1:12:07     
...
126    Eros Capecchi (Ita) Astana Pro Team    1:13:43     
...
130    Roberto Ferrari (Ita) Lampre - Merida    1:14:27     
...  
133    Fabio Sabatini (Ita) Etixx - Quick-Step    1:16:18     
134    Maxim Belkov (Rus) Team Katusha    1:16:37     
..
140    Daniel Oss (Ita) BMC Racing Team    1:18:16     
..
144    Paolo Simion (Ita) Bardiani CSF    1:19:32     
145    Marco Coledan (Ita) Trek-Segafredo    1:20:39     
...
154    Gianfranco Zilioli (Ita) Nippo - Vini Fantini    1:25:57     
...
162    Nicola Ruffoni (Ita) Bardiani CSF    1:30:10     
...
167    Nicola Boem (Ita) Bardiani CSF    1:31:53     
168    Jay Robert Thomson (RSA) Dimension Data    1:32:21     
169    Simone Andreetta (Ita) Bardiani CSF    1:34:02     
...
182    Riccardo Stacchiotti (Ita) Nippo - Vini Fantini    1:53:16     
183    Cheng Ji (Chn) Team Giant-Alpecin    1:56:35

 

GIULIO CICCONE VINCE LA DECIMA TAPPA DEL GIRO D'ITALIA
BOB JUNGELS INDOSSA LA MAGLIA ROSA


Una tappa all'insegna dei giovani. Prima vittoria da pro per l'italiano.

Sestola, 17 maggio 2016 – Il corridore italiano Giulio Ciccone (Bardiani CSF), classe 1994, ha vinto la decima tappa del 99º Giro d'Italia, da Campi Bisenzio a Sestola di 219 km. Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Ivan Rovny (Tinkoff) e Darwin Atapuma (BMC Racing Team).

Bob Jungels (Etixx - Quick-Step), classe 1992, è la nuova Maglia Rosa di leader della classifica generale.

RISULTATO FINALE
1 - Giulio Ciccone (Bardiani CSF) - 219 km in 5h44'32", media 38,138 km/h
2 - Ivan Rovny (Tinkoff) a 42"
3 - Darwin Atapuma (BMC Racing Team) a 1'20"

MAGLIE

  • Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Bob Jungels (Etixx - Quick-Step)
  • Maglia Rossa, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Algida - André Greipel (Lotto Soudal)
  • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Damiano Cunego (Nippo - Vini Fantini)
  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Bob Jungels (Etixx - Quick-Step)
CLASSIFICA GENERALE
1 - Bob Jungels (Etixx - Quick-Step)
2 - Andrey Amador (Movistar Team) a 26"
3 - Alejandro Valverde (Movistar Team) a 50"



Il vincitore, Giulio CICCONE subito dopo il traguardo, ha dichiarato: "Oggi è il giorno più bello della mia vita. Non mi sembra vero, è come se fossi in una bolla. Finalmente ho ottenuto la mia prima vittoria da professionista. È la dimostrazione di come la nostra squadra sia una grande famiglia. Devo ringraziarli tutti, in particolar modo Nicola Boem che si è sacrificato per me. Spero di averlo ripagato per la fiducia riposta in una mia vittoria mentre tirava la fuga. Che giornata meravigliosa!".

La Maglia Rosa Bob JIUNGELS ha dichiarato: "Non capita spesso nel ciclismo che il primo in classifica lavori per il secondo. Quello che oggi ha fatto [Gianluca] Brambilla è incredibile. Si è staccato, è riuscito a rientrare ed ha tirato a fondo da li in poi. Non ci posso credere. Questo è uno dei migliori giorni della mia vita. Non siamo solo una squadra, siamo un gruppo di amici. Fin'ora abbiamo avuto tre corridori in Maglia Rosa, il primo è stato Marcel Kittel. Abbiamo ottenuto più di quanto ci aspettavamo. Io sicuramente non immaginavo tutto questo".

Seguiranno le dichiarazioni della conferenza stampa e altri materiali.



TAPPA DI DOMANI
Tappa n. 11 – Modena - Asolo – 227 km
Tappa divisa nettamente in due parti: la prima totalmente pianeggiante da Modena fino ai piedi di Asolo di circa 200 km e una seconda molto più complessa e articolata che porta all’arrivo. Si attraversa tutta la pianura Padana in parte su strade dalla carreggiata ristretta, in parte su strade larghe e sempre prevalentemente rettilinee. Anche in questa tappa gli attraversamenti urbani sono caratterizzati da rotatorie, cordoli, spartitraffico e dossi. Dopo Maser si affronta la salita breve ma molto impegnativa della Forcella Mostaccin (fino al 16%), con successiva discesa impegnativa e a tratti ristretta che porta alle colline di Monfumo e Castelcucco con una serie di saliscendi che immette sulla salita finale di Asolo.



 
Ultimi km
A 5 km dall’arrivo si sale ad Asolo con una rampa di 1 km attorno al 7% che immette nel centro storico attraverso una porta medievale e un tratto in pavé. Segue una veloce discesa su strada larga che termina all’ultimo km. Ultima curva a 900 m e quindi lungo rettilineo leggermente arcuato largo 7,5 m su asfalto perfettamente livellato.

DOWNLOAD

#Giro

PHOTO CREDIT: ANSA - PERI / DI MEO / ZENNARO
VIDEO CREDIT: ANSA - BAZZI
 
 

GIRO D'ITALIA, BEATA GIOVENTÙ
Al 21enne Ciccone la tappa, al 24enne Jungels la Maglia Rosa.
Mikel Landa si ritira durante la decima tappa

Sestola, 17 maggio 2016 – Il ventunenne Giulio Ciccone, neoprofessionista abruzzese della Bardiani CSF, ha colto il suo primo successo da professionista al termine della decima tappa del 99° Giro d’Italia

Una tappa davvero combattuta, durante la quale si è ritirato uno dei favoriti, il capitano del Team Sky Mikel Landa. La Maglia Rosa Gianluca Brambilla si è sacrificato mettendo le sue forze al servizio di Bob Jungels per mantenere il primato in casa Etixx – Quick-Step. È il secondo lussemburghese in Rosa nella storia della corsa, sessant'anni dopo Charly Gaul.

DOWNLOAD

RISULTATO FINALE
1 - Giulio Ciccone (Bardiani CSF) - 219 km in 5h44'32", media 38,138 km/h
2 - Ivan Rovny (Tinkoff) a 42"
3 - Darwin Atapuma (BMC Racing Team) a 1'20"

MAGLIE

  • Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Bob Jungels (Etixx - Quick-Step)
  • Maglia Rossa, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Algida - André Greipel (Lotto Soudal)
  • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Damiano Cunego (Nippo - Vini Fantini)
  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Bob Jungels (Etixx - Quick-Step)

CLASSIFICA GENERALE
1 - Bob Jungels (Etixx - Quick-Step)
2 - Andrey Amador (Movistar Team) a 26"
3 - Alejandro Valverde (Movistar Team) a 50"

LE PILLOLE STATISTICHE

  • Giulio Ciccone è il primo ventunenne a vincere al Giro dal 2012 (Taylor Phinney, Herning). Prima vittoria da professionista e prima vittoria nel calendario internazionale per lui
  • Per il quarto anno consecutivo il team Bardiani-CSF vince almeno una tappa al Giro. L’anno scorso vinsero a Forlì con Nicola Boem
  • Bob Jungels è il secondo lussemburghese a indossare la maglia rosa al Giro dopo Charly Gaul, vincitore dei Giri 1956 e 1959. Gaul indossò la sua prima maglia rosa 60 anni fa, al termine della tappa del Bondone (8 giugno) ed aveva 23 anni, come Jungels ora


DICHIARAZIONI
Il vincitore di tappa, 
Giulio Ciccone, ha dichiarato in conferenza stampa: “Nella riunione di squadra prima della tappa di oggi avevamo deciso che almeno due di noi avrebbero provato ad andare in fuga, compresi uno o due scalatori. È andata addirittura meglio del previsto perché eravamo in tre: due scalatori, io e Stefano Pirazzi, ed in più Nicola Boem che è un fantastico uomo-squadra. Alla fine eravamo in superiorità numerica, è stata la chiave per la vittoria.

Sono un buon scalatore, forse non così buono come discesista ma me la cavo, ho attaccato proprio in discesa e mi è andata bene. Era il mio sogno da bambino vincere una tappa al Giro d’Italia. La mia prima corsa a tappe da professionista (Le Tour de Langkawi in Malesia) mi ha reso conscio dei miei mezzi, dopo aver passato le trafile dilettantistiche a Bergamo, lontano dalla mia città natale, Chieti (Abruzzo) in questi ultimi anni”.


La nuova Maglia RosaBob Jungels, ha detto in conferenza stampa: Gianluca Brambilla ha deciso autonomamente di sacrificarsi per la squadra quando ha visto che andavo meglio di lui in salita e Andrey Amador era all'attacco; è stata la tattica migliore per tenere in squadra la Maglia Rosa. È stata una decisione davvero speciale. Nelle prossime tappe proverò a stare con i migliori e difendere la mia leadership il più a lungo possibile.

Questo è uno dei migliori momenti della mia vita. Trovo difficile parlare ora del futuro ma eravamo venuti al Giro con la possibilità per me di poter correre per la Classifica Generale. La pressione non è venuta dalla squadra ma da me stesso, sono una persona abbastanza ambiziosa. Siamo a metà gara e non so quanto riuscirò a fare in alta montagna ma devo stare calmo e non sognare troppo in grande”.


La Maglia AzzurraDamiano Cunego“Questa maglia è il mio obiettivo principale. Ho corso per conquistarla oggi, così come avevo fatto una settimana fa, ma oggi ho speso molta energia a caccia di punti. La nostra fuga è durata a lungo... Ho un po' di rimpianti perché ho dovuto spendere per vincere i traguardi in cima alle salite e non mi sono sentito benissimo negli ultimi dieci chilometri.

È stato difficile arrivare fino in fondo.
I prossimi due giorni non saranno decisivi per la Maglia Azzurra ma dovrò andare ancora in fuga nelle tappe successive del Giro per difendere il mio vantaggio”.



TAPPA DI DOMANI
Tappa n. 11 – Modena - Asolo – 227 km
Tappa divisa nettamente in due parti: la prima totalmente pianeggiante da Modena fino ai piedi di Asolo di circa 200 km e una seconda molto più complessa e articolata che porta all’arrivo. Si attraversa tutta la pianura Padana in parte su strade dalla carreggiata ristretta, in parte su strade larghe e sempre prevalentemente rettilinee. Anche in questa tappa gli attraversamenti urbani sono caratterizzati da rotatorie, cordoli, spartitraffico e dossi. Dopo Maser si affronta la salita breve ma molto impegnativa della Forcella Mostaccin (fino al 16%), con successiva discesa impegnativa e a tratti ristretta che porta alle colline di Monfumo e Castelcucco con una serie di saliscendi che immette sulla salita finale di Asolo.



 
Ultimi km
A 5 km dall’arrivo si sale ad Asolo con una rampa di 1 km attorno al 7% che immette nel centro storico attraverso una porta medievale e un tratto in pavé. Segue una veloce discesa su strada larga che termina all’ultimo km. Ultima curva a 900 m e quindi lungo rettilineo leggermente arcuato largo 7,5 m su asfalto perfettamente livellato.



PUNTI D'INTERESSE
MODENA – km 0
È una città di grandi tradizioni storiche, monumentali e culturali, capitale del Granducato degli Estensi, con l’antica Università e una serie di pregevoli edifici storici di varie epoche quali la Cattedrale, prezioso esempio di stile romanico con la torre campanaria, la famosa “Ghirlandina”, simbolo della città. La Piazza Grande dove si affacciano gli storici edifici è inserita nei siti italiani patrimonio dell’UNESCO. La città, dal secondo dopoguerra, è la sede dell’Accademia Militare dell’Esercito e dell’Arma dei Carabinieri.
Modena, con il suo territorio, esprime pure notissime e apprezzatissime eccellenze gastronomiche nei salumi soprattutto e con l’apprezzato “aceto balsamico” e il liquore “nocino”.
L’industria delle ceramiche e delle piastrelle è una voce di prima importanza nell’economia industriale che si esprime con eccellenze nella meccanica. Lo illustrano la Maserati e, nella vicina Maranello, la Ferrari.
 
NONANTOLA – km 6
Centro d’origine medievale caratterizzato da due torri. È da ricordare la rilevante struttura dell’abbazia benedettina fondata nel 752 dall’abate Anselmo. È pure da citare la “Partecipanza agraria di Nonantola”, una tradizionale istituzione che origina attorno all’anno Mille e che determina, in estrema sintesi, la proprietà collettiva del territorio. Una tradizione che, attualizzata e conformata alle leggi attuali, opera ancora.
 
FINALE EMILIA – km 41
Area che ha subito gravissimi danni dal terremoto che ha colpito a più riprese nel maggio 2012 la zona. L’epicentro fu appunto a Finale Emilia che ha visto crollare la Torre dei Modenesi del 1213 e danneggiare gravemente il castello estense delle Rocche.
 
BONDENO – km 56
Il popoloso centro di Bondeno, in località Stellata, nei pressi del Po, presenta la Rocca Possente (il nome è rivelatore della struttura), ricostruita nel 1500, inserita nel patrimonio UNESCO del ferrarese.
 
BADIA POLESINE – km 88
Badia Polesine l’antica Abbazia della Vangadizza, in un contesto ambientale agricolo, solcato da molti corsi d’acqua.
 
PIACENZA D’ADIGE (zona rifornimento) – km 95 ed ESTE – km 112
Este, ai piedi dei Colli Euganei, ha come principale simbolo il Castello, ricostruito dai Carraresi alla metà del 1300, racchiuso da una cinta quadrangolare con dodici torrioni che corre lungo la dolce ascesa dalla città al castello. Il Duomo di Santa Tecla con una pala del maestro veneziano Giambattista Tiepolo (1696-Madrid 1770), la Basilica di S. Maria delle Grazie, S. Maria delle Consolazioni, il Museo nazionale Atestino e varie ville patrizie sono patrimonio della città.
 
GRISIGNANO DI ZOCCO (traguardo volante) – km 145
Nel territorio si trovano vari pregevoli edifici, soprattutto tipiche ville patrizie.
 
PIAZZOLA SUL BRENTA – km 158
Piazzola sul Brenta la magnifica villa Contarini il cui corpo centrale è attribuito al Palladiocon successiva rielaborazione barocca, porticati e giardini. In una frazione chiamata ora Isola Mantegna, è nato nel 1431 il grande pittore Andrea Mantegna, morto a Mantova nel 1506.
 
VILLA DEL CONTE (traguardo volante) – km 167
La parrocchiale conserva varie opere del pittore veneziano Palma il Giovane, al secolo Giacomo Nigretti (1548/1550-1628), detto il Giovane per distinguerlo dal prozio Palma il Vecchio.
 
CASTELFRANCO VENETO – km 183
È caratterizzata da un castello medievale cinto da mura in ottimo stato di conservazione e dal fossato, dal Duomo neoclassico con una famosa pala d’altare del Giorgione (pseudonimo di Giorgio Barbarella oppure Zorzi da Castelfranco), grande pittore qui nato nel 1478 circa e morto a Venezia nel 1510, la casa di Giorgione, il teatro accademico, il palazzo Revedin-Bolasco con grande parco e vari altri motivi, fra i quali quelli eno-gastronomici, sia in città, sia nei dintorni.
Fra i molti personaggi di vari settori legati alla città si ricordano Tina Anselmi (1927), la prima donna ministro della Repubblica Italiana, era il 1976, la poetessa Patrizia Valduga (1953), i cugini Giorgio Saviane (1916-2000 Firenze) scrittore e Sergio Saviane (1923-2001), scrittore, critico e giornalista, la cantautrice e attrice Donatella Rettore (1953).
Nativo di Castelfranco è anche Francesco Guidolin (1995), calciatore e noto allenatore di calcio, grande appassionato di ciclismo.
Fra i molti corridori originari di qua si possono ricordare l’iridato del 2008 Alessandro Ballan e il veterano (è professionista dal 1997) Matteo Tosatto. Il Giro d’Italia ha posto un traguardo qui nel 1991 con vittoria di Silvio Martinello e nel 1999 con Mario Cipollini.
 
ALTIVOLE – km 194
Luogo di nascita di Giuseppe Brion (1909-Milano 1968), imprenditore d’avanguardia nell’elettronica con il marchio Brionvega, innovativo, all’epoca, per il design, che è ricordato da un artistico monumento funebre. Caratteristica la struttura del Barco della Regina Cornaro.
 
FORCELLA MOSTACCIN (GPM) – km 208
Villa Barbaro a Maser (accanto all’inizio della salita di Forcella Mostaccin) è una villa veneta, costruita da Andrea Palladio tra il 1554 e il 1560 per l'umanista Daniele Barbaro trasformando il vecchio palazzo medievale di Maser di proprietà della famiglia, in una splendida abitazione di campagna. Il complesso della villa, che comprende anche un tempietto palladiano, è stato inserito dall’UNESCO nel 1996 (assieme alle altre ville palladiane del Veneto e alla città di Vicenza) nella lista dei patrimoni dell'umanità. Uno degli annessi ospita un Museo delle Carrozze con una collezione di circa trenta veicoli del XIX e XX secolo. Le Ville Palladiane furono costruite intorno alla metà del Cinquecento per aristocratici e esponenti dell’alta borghesia della Repubblica veneta. Presentano lateralmente le barchesse (destinate agli ambienti di lavoro) dividendo lo spazio del corpo centrale, abitazione dei proprietari, da quello dei lavoratori, in modo da non sovrapporre le diverse attività.
 
ASOLO – km 227
Asolo, fra i borghi più belli d’Italia, sorge nella distensiva posizione fra dolci colli, alterna scorci medievali con architetture venete rustiche e nobili, ulivi, cipressi e ville armonicamente inserite nella natura del territorio. Visse il massimo splendore nel periodo della Serenissima Repubblica di Venezia con Caterina Cornaro, della nobile casata veneziana con cognome originale Corner (1454-1510), fu regina di Cipro per matrimonio e, dopo la vedovanza, signora di Asolo dal 1489 al 1510. Ospitò alla sua corte artisti e letterati quali il pittore veneziano Lorenzo Lotto (1480-1556/57), Giorgione, il cardinale, letterato e umanista, Pietro Bembo (1470-1547). Il Duomo, con facciata neoromanica ottocentesca, custodisce il dipinto dell’Assunta di Lorenzo Lotto; il Palazzo della Ragione e la casa della grande attrice Eleonora Duse (1858-1924) che qui volle essere sepolta. Vi si trovano inoltre la villa Scotti-Pasini, il Castello, le numerose ville, sono fra i molteplici motivi di specifico richiamo della località che ha avuto, e ha, estimatori che la frequentano assiduamente da varie parti del mondo.
È la seconda volta che il Giro d’Italia pone il traguardo di tappa qui. È stato Vincenzo Nibali il vincitore della Ferrara-Asolo, 14^ frazione del Giro 2010.



COPERTURA TV
Le immagini della 99° edizione del Giro d’Italia vengono distribuite ai quattro angoli del globo: sono 184 i Paesi collegati con la Corsa Rosa, tramite 29 diversi network televisivi, 24 dei quali trasmettono in diretta.

IN ITALIA
RAI – Radio Televisione Italiana, storico host broadcaster dell’evento, garantisce alla Corsa Rosa ampia copertura. Il racconto delle fasi live delle tappe è articolato in tre distinte trasmissioni: si comincia con “Prima diretta” su Rai Sport 1, per passare in simulcast anche su Rai 3 e Rai HD a “Giro in diretta” nella fascia oraria 15:10 - 16:15, che lancia “Giro all’arrivo”, cronaca dell’ora finale di gara fino alle 17:15. Subito a ruota, le tradizionali analisi del dopo gara del Processo alla Tappa con chiusura alle 18:00. 
Telecamere puntate anche sulla partenza, con Giro Mattina che dal relativo villaggio trasmette su Rai Sport 1 operazioni di firma, interviste e il via della tappa, soffermandosi anche su aspetti di colore. Aneddoti e approfondimenti storici e culturali garantiti dalla rubrica “Viaggio nell’Italia del Giro”.
Per chi non ha la possibilità di seguire l’evento nel pomeriggio, completano il quadro la trasmissione serale TGiro, con il racconto della giornata appena conclusa, a partire dalle 20:00 su Rai Sport 1 e la successiva Giro Notte, riassunto di 90’ della tappa in programma per le 22:45 su Rai Sport 2. Streaming della Corsa Rosa sul sito 
www.rai.tv.

NEL MONDO
In Italia l’evento può essere seguito in diretta anche su Eurosport, che copre tutto il continente europeo grazie alle sue trasmissioni on-site in apertura alle 14:15 e al commento in 19 diverse lingue, distribuito in 53 Paesi.
In Francia invece, la diretta delle tappe ha luogo in esclusiva su beINSports, con approfondimenti direttamente dal campo di gara.
L’emittente pubblica olandese NOS trasmette gli ultimi 90 minuti delle tappe disputate nei fine settimana e gli highlights giornalieri di ogni frazione.
Copertura televisiva in chiaro in Europa è prevista anche per gli appassionati fiamminghi (con le dirette di VRT), danesi (live su TV2 Denmark), svizzeri (grazie a SRG SSR), spagnoli (diretta su Teledeporte e sull’emittente basca EITB) e kazaki, con gli highlights trasmessi da Kaz Sports.
La Corsa Rosa sbarca in America Latina grazie al network ESPN, che copre l’evento in diretta grazie al commento portoghese in Brasile, inglese nei Caraibi e in spagnolo nei rimanenti Paesi del Sudamerica. Ampia scelta per gli appassionati colombiani, che possono sintonizzarsi per seguire il live anche su RCN e su Señal Colombia. TDN garantisce la diretta in Messico e America Centrale, mentre beIN Sports trasmette negli Stati Uniti e RDS per il pubblico francofono del Canada.
Giro d’Italia anche sugli schermi di Medio Oriente e Nord Africa grazie alle dirette di beIN Sports, mentre in Sudafrica e Africa Subsahariana l’evento è visibile su vari canali dell’emittente Supersport.
In Asia, lo spettacolo della Corsa Rosa viene offerto in diretta in 16 Paesi grazie a Eurosport Asia Pacific; J Sports trasmette live in esclusiva in Giappone, altrettanto fa LeTV in Cina.
Gli highlights della gara sono poi visibili su FPT Telecom in Vietnam, mentre a beneficio del pubblico thailandese le fasi salienti delle tappe sono in programmazione sia su True Visions che su NOW26.
In Australia si conferma anche nel 2016 grande interesse per il Giro: SBS trasmette tutte le 21 le tappe in diretta, mentre Fox Sports ne offre gli highlights. Sia dirette, sia riassunti giornalieri in Nuova Zelanda grazie a Sky.
Infine, le immagini della Corsa Rosa vengono distribuite in tutto il mondo attraverso la piattaforma SNTV - Sports News Television e grazie a Sport24, il canale sportivo 24 ore su 24 rivolto al pubblico dei passeggeri di aerei e navi da crociera.

#Giro

PHOTO CREDIT: ANSA - PERI / DI MEO / ZENNARO
VIDEO CREDIT: ANSA - BAZZI
 

tappa 10
Campi Bisenzio -Sestola 17.05.2016 

LA CRONACA 

PARTENZA (Campi Bisenzio – ore 11.18 – 184 gli atleti al via, non partono Tcatevitch del Team Katusha e Cancellara della Trek-Segafredo; mossiere: il sindaco Emiliano Fossi ) 

1/2 

Subito scatti e contro scatti. Niente da fare (km 4) per Verona, Laengen, Cunego e Alafaci; idem (km 12) per Bobridge; velocità sostenuta e gruppo allungato.
Km 30: allungano Visconti e Bongiorno; km 32: insiste da solo Visconti, Bongiorno (presto raggiunto) a 16”, il gruppo (da cui ha perso contatto Landa) a 27”. 

Gran Premio della Montagna (km 37,8 – Passo della Collina – m 777 – 3a categoria)
I passaggi: Visconti con 25” su Wellens, Rovny, Andreetta e il gruppo; Landa – spalleggiato da due compagni, Nieve e Lopez Garcia – transita a 3’. Media della prima ora di corsa: 39,400 km/h. 

Km 41: su Visconti si portano Boem e Niemiec; km 47: il margine per i tre battistrada è di 30”; gruppo frazionato. Km 51: la prima parte del gruppo-maglia rosa (una cinquantina di corridori; a condurre l’Astana) a 52”; una seconda parte a 3’; il drappello-Landa a 6’06”. Km 60: gruppo-maglia rosa a 1’22”.
S’inizia a salire verso il gpm di Pietracolora; dal gruppo-maglia rosa, attacco di Ciccone, Atapuma e Cunego.
Km 66: ritiro di Landa (Sky).
Km 69: il terzetto-Visconti con 2’30” sul terzetto-Cunego; a 2’50” il gruppo-maglia rosa.
Ai – 3 km dal gpm: sul terzetto-Cunego si portano Bonnafond, Pirazzi, Preidler, Rovny e Zoidl; otto ora i più diretti inseguitori con 2’06” di distacco; il gruppo-maglia rosa a 3’02”.
Gran Premio della Montagna (km 75,8 – Pietracolora – m 806 – 3a categoria)
I passaggi: Visconti, Boem e Niemiec; a 2’14” Cunego e gli altri sette contrattaccanti; a 3’40” il gruppo-maglia rosa. Al gruppetto-Cunego si agganciano Brown e Silin; km 80: i dieci inseguono a 2’07”; gruppo-maglia rosa a 3’38”. Media dopo due ore di gara: 40,300 km/h. 

Km 88: 1’56” per i dieci inseguitori, 3’46” per il gruppo-maglia rosa condotto dall’Etixx-Quick Step; km 95: 1’42” / 3’13”; km 105: 1’32” / 3’57”; al cartello di metà percorso: 1’30” / 4’11”; km 113: 1’18” / 3’54”; km 119: 1’40” / 5’05”.
Media dopo tre ore: 40,200 km/h. 

Km 126: 1’48” / 5’13”; dal terzetto di testa si stacca Boem, insistono Visconti e Niemiec; km 134: gli undici inseguitori (con Boem) a 1’45”, il gruppo-maglia rosa a 5’19”; km 139: 1’06” / 5’37”; si avvicinano gli undici inseguitori: 38” ai -3 dal tv; in vista del tv di Pavullo nel Frignano, gli undici inseguitori raggiungono Visconti, poco lontano Niemiec.
Traguardo Volante (km 146,1 – Pavullo nel Frignano)
I passaggi: Niemiec (poi subito raggiunto) anticipa di qualche secondo Pirazzi, Boem, Ciccone, Silin con Visconti, Brown, Cunego, Preidler, Rovny, Zoidl, Atapuma e Bonnafond; il gruppo-maglia rosa a 5’25”.
Km 149: 5’15”; km 158: 5’21”. La media dopo quattro ore: 39,500 km/h. 

Km 161: 4’46”; davanti: foratura e rientro per Preidler, perde contatto Boem; al cartello dei – 50 km all’arrivo: 4’24”; ai – 45: 4’33”. Allungo nel gruppetto di testa di Preidler.
Traguardo Volante (km 178,9 – Lama Mocogno)
I passaggi: Preidler con 15” su Pirazzi, Zoidl, Brown, Niemiec e gli altri; il gruppo-maglia rosa a 4’19”. 

Si sale verso il Pian del Falco.
Situazione ai – 30: Preidler con 35” su Bonnafond e Atapuma; a 50” il resto della fuga; a 2’30” Niemiec; a 4’10” Foliforov (scattato dal gruppo); a 4’35” il gruppo-maglia rosa condotto dalla Etixx-Quick Step.
Ai – 25: Pirazzi, Brown, Zoidl, Cunego, Atapuma, Bonnafond, Ciccone, Visconti, Silin e Rovny inseguono a 30”; il gruppo- maglia rosa a 4’14”. Forcing Astana nel gruppo-maglia rosa; tra coloro che perdono contatto, pure Dumoulin.
Cede Preidler, davanti restano Pirazzi, Ciccone e Cunego; dietro, in difficoltà la maglia rosa Brambilla.

Gran Premio della Montagna (km 203 – Pian del Falco – m 1.352 – 1a categoria)
I passaggi: Cunego, Ciccone e Pirazzi; a 18” Rovny, Brown, Atapuma e Visconti; a 47” Preidler e Zoidl; a 2’28” il gruppo condotto dall’Astana; a 2’45” transita la maglia rosa Brambilla.
In discesa: si avvantaggia Ciccone; scivolata e ripartenza per Pirazzi; Amador allunga dal gruppo inseguitore; la maglia rosa Brambilla si riaccoda al gruppo con Nibali e Valverde.
Situazione ai – 6: Ciccone con 14” su Rovny; a 38” Cunego, Brown, Visconti e Atapuma; a 1’16” Bonnafond, Pirazzi e Preidler; a 1’31” Zoidl; a 2’20” Amador; a 2’56” il gruppetto-maglia rosa.
Ai – 4: Rovny a 33”; 1’10” per il gruppetto-Cunego; Amador transita a 2’10” e il gruppo-maglia rosa a 3’03”.
Perde contatto la maglia rosa dal gruppetto con Valverde e Nibali; ai – 2: Rovny a 34”; a 1’10” Atapuma; a 1’19” Brown e Visconti; a 2’16” Amador; a 2’50” il gruppetto dei migliori. 

Insiste e va a vincere solitario Ciccone.
ARRIVO (Sestola – km 219; gpm – m 998 – 3a categoria)
Vittoria di Ciccone; a 42” Rovny; a 1’20” Atapuma; a 1’53” Brown; a 2’04” Cunego; a 2’10” Amador; a 2’11” Visconti, Valverde, Chaves e Fuglsang; a 2’15” Majka, Kruijswijk, Pozzovivo, Nibali e gli altri; a 3’27” Brambilla.
Jungels nuova maglia rosa.
Tempo del vincitore: 5h44’32”, alla media di 38,138 km/h. 




Photo credit: ©Andrea Magnani/BIKENEWS.IT
 

JUNGELS MOVES INTO MAGLIA ROSA AT THE GIRO D’ITALIA

After what was another stage in which the team worked hard at the front, proving it's fantastic spirit and unity, Bob became the first Luxembourg rider in 57 years to lead the race.

More to follow...

 




 Mikel LANDA abbandona il GIRO D'ITALIA © PHOTO CREDIT: ANSA - PERI / DI MEO / ZENNARO

Mikel LANDA abbandona il Giro d'Italia


Sestola (MO) 17 maggio 2016 - Mikel Landa ha abbandonato il 99° Giro d'Italia lungo i primi chilometri della 10a tappa Campi Bisenzio-Sestola.

Il leader del Team Sky, ottavo in classifica generale questa mattina alla partenza, nella cronometro del Chianti di domenica scorsa, aveva concluso con un buon tempo in 20a posizione, a 7" dal principale avversario ed ex compagno di squadra, Vincenzo Nibali.

Landa 
a soli 20 chilometri dalla partenza della 10a tappa, dopo aver affrontato con evidenti difficolta la salita di terza categoria del Passo della Collina, ha segnato un ritardo di oltre 6 minuti e il murciano, dopo una trentina di chilometri alle pendici della successiva salita di Pietracolora, esattamente al km 66, ha dato formait dalla corsa rosa, colpito nella nottata da gastro enterite, come comuncato dal suo team.


Tappa n. 10 – CAMPI BISENZIO - SESTOLA

 

Percorso

Tappa di montagna dove la pianura è assente se non si contano i primi 25 km. Dopo Pistoia infatti si affronta il Passo della Collina (strade larghe con molte curve) e si attraversa l’Appennino Tosco-Emiliano. Discesa veloce su Porretta Terme e risalita al GPM di Pietracolora che immette nella valle del Samone. Breve tratto pianeggiante fino a Marano sul Panaro dove iniziano 70 km di saliscendi (più o meno impegnativi) che portano ai piedi del GPM di Pian del Falco, che presenta nel finale lunghi tratti con pendenza a doppia cifra (fino al 14%). Gli ultimi 15 km sono divisi equamente tra discesa e salita.

 

Ultimi km

Ultimi chilometri caratterizzati dalla discesa veloce e impegnativa che dal GPM porta a Fanano; discesa che si divide in due parti (entrambe abbastanza ripide), la prima larga e con poche curve che immette in una seconda articolata e a tratti con carreggiata ristretta fino alla parte dentro l’abitato di Fanano. Segue la salita finale di 7 km al 5-6% su strada larga e serpeggiante fino al rettilineo finale di 100 m su asfalto in salita di larghezza 6,5 m.


10 ª tappamartedì 17Campi Bisenzio-Sestola, 219 km 



GPM Pian del Falco

GPM Sestola


Ultimi tre Km

In allegato anche la Tabella Orari
 

BUONGIORNO DALLA TAPPA 10 DEL GIRO D’ITALIA
La Corsa Rosa riparte dopo la giornata di riposo con un'insidiosa tappa appenninica

Campi Bisenzio, 17 maggio 2016 – Buongiorno dalla decima tappa del Giro d'Italia, da Campi Bisenzio Sestola di 219 km, con quattro salite tra cui quella di 1^ Categoria di Pian del Falco a 16 km dall'arrivo, seguita dall'ascesa finale verso il traguardo appenninico.

La corsa ha passato il km 0 alle ore 11.18 con il gruppo forte di 184 corridori. Non partiti i dorsali nr 169, Alexey Tcatevitch e nr 204, Fabian Cancellara.

METEO
Campi Bisenzio: Variabile, 17°C. Vento: moderato – 12 kmh.
Sestola (17.15 - Arrivo): Poco nuvoloso, 13°C. Vento: debole – 5 kmh.

DOWNLOAD

MAGLIE

  • Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Gianluca Brambilla (Etixx - Quick-Step)
  • Maglia Rossa, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Algida - André Greipel (Lotto Soudal)
  • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Tim Wellens (Lotto Soudal)
  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Bob Jungels (Etixx - Quick-Step)

PUNTI E ABBUONI IN PALIO
Durante la tappa ci saranno 13 secondi di abbuono massimo in palio per la classifica generale, 3 al secondo traguardo volante e 10 sul traguardo finale per il primo classificato. Vi sono inoltre 31 punti per la classifica della Maglia Rossa e 56 punti per quella di miglior scalatore.

CLASSIFICA GENERALE
1 - Gianluca Brambilla (Etixx - Quick-Step)
2 - Bob Jungels (Etixx - Quick-Step) a 1"
3 - Andrey Amador (Movistar Team) a 32"



Tappa n. 10 – Campi Bisenzio - Sestola – 219 km
Arrivo: 17.15 circa
Quartiertappa: Palazzetto dello Sport di Sestola, via dello Sport, 2

Percorso
Tappa di montagna dove la pianura è assente se non si contano i primi 25 km. Dopo Pistoia infatti si affronta il Passo della Collina (strade larghe con molte curve) e si attraversa l’Appennino Tosco-Emiliano. Discesa veloce su Porretta Terme e risalita al GPM di Pietracolora che immette nella valle del Samone. Breve tratto pianeggiante fino a Marano sul Panaro dove iniziano 70 km di saliscendi (più o meno impegnativi) che portano ai piedi del GPM di Pian del Falco, che presenta nel finale lunghi tratti con pendenza a doppia cifra (fino al 14%). Gli ultimi 15 km sono divisi equamente tra discesa e salita.



 
Ultimi km
Ultimi chilometri caratterizzati dalla discesa veloce e impegnativa che dal GPM porta a Fanano; discesa che si divide in due parti (entrambe abbastanza ripide), la prima larga e con poche curve che immette in una seconda articolata e a tratti con carreggiata ristretta fino alla parte dentro l’abitato di Fanano. Segue la salita finale di 7 km al 5-6% su strada larga e serpeggiante fino al rettilineo finale di 100 m su asfalto in salita di larghezza 6,5 m.


PUNTI D'INTERESSE
CAMPI BISENZIO – km 0
Popoloso comune nella pianura fra Firenze e Prato, ospita per la seconda volta una partenza di tappa della corsa rosa dopo la Campi Bisenzio - Bologna/San Luca del 23 maggio 2009. È un’attivissima città che ospita diverse e importanti attività produttive, in vari settori, abbinate a quelle commerciali, che hanno, a mano a mano, sostituito quella prevalentemente agricola già dal secondo dopoguerra. Il simbolo della città è la Rocca Strozzi, ora acquisita dal comune. Di rilievo sono pure le mura medievali tuttora esistenti e che costeggiano parte del corso del fiume Bisenzio. Notevoli sono pure alcuni edifici del centro storico e altre sparse nel territorio comunale. Ottima la cucina con specialità della tradizione fiorentina.
 
PRATO – km 4
Caratteristico centro storico ricco di monumenti e storia.
 
AGLIANA – km 13 e PISTOIA – km 22
Nato ad Agliana Fabrizio Fabbri, ottimo corridore professionista dal 1970 al 1979 e poi direttore sportivo.
Pistoia, con il suo centro racchiuso fra le trecentesche mura, custodisce pregevoli e preziose architetture quali la Cattedrale dedicata a San Zeno, il gotico Battistero di San Giovanni, così come il Palazzo dei Vescovi, il Palazzo del Comune.
 
PASSO DELLA COLLINA (GPM) – km 38
La località di Capostrada ricorda Loretto Petrucci (1929), vincitore di due Milano-Sanremo.
 
SAMBUCA PISTOIESE – km 49
In località Pàvana abita da vari anni, il noto cantautore, musicista e romanziere, modenese di nascita (1940), Francesco Guccini. Di Pàvana era originaria la mamma.
 
PORRETTA TERME – km 56
Località nota per le sue acque curative.
 
PIETRACOLORA (GPM) – km 76
Si è nel territorio comunale di Gaggio Montano che ha legato il suo nome al ciclismo grazie allo sponsor Saeco.
 
MONTESE – km 82 e PONTE DI SAMONE (zona rifornimento) – km 99
Montese è noto per la Rocca Montecuccoli.
 
MARANO SUL PANARO – km 113
Località nota per le ciliegie e l’ottima gastronomia con tigelle e gnocco fritto, nel Parco dei Sassi di Roccamalatina con la presenza dei caratteristici “calanchi”, profonde fenditure con erosione delle rocce argillose che connotano un po’ tutti gli Appennini. A est di Marano sul Panaro, Vignola (adagiata ai piedi delle prime colline dell'Appennino modenese all'imbocco della valle del fiume Panaro) è nota per la sua produzione di ciliegie, in particolare la varietà “Moretta di Vignola”, coltivazione autoctona di grande valore organolettico.
 
SERRAMAZZONI – km 133
Importante e caratteristico centro della zona del Frignano che offre ricettività turistica e sportiva per varie attività. È sede di un centro federale del tennis. Qui è nato nel 1977 il calciatore Luca Toni.
 
PAVULLO NEL FRIGNANO (traguardo volante) – km 146
Estesissimo territorio fra le colline spartiacque fra le valli dei fiumi Panaro e Secchia, dove spiccano le alture di Montecuccolo con il castello della nobile famiglia dei Montecuccoli e la chiesetta di San Lorenzo del 1469. Nel piacevole centro abitato, fra vari edifici, spicca il palazzo Ducale, luogo di vacanza dei duchi di Modena. Nella frazione Olina è caratteristico il ponte che risale al 1522 sul torrente Scoltenna. La zona è teatro della corsa a tappe “Coppi e Bartali”, organizzata dal G.S. Emilia di Adriano Amici.
 
POLINAGO – km 165 e LAMA MOCOGNO (traguardo volante) – km 179
Sempre nel paesaggio dolce collinare, segue Polinago con varie rocche militari del passato e quindi Lama Mocogno (TV di tappa). È un comune ove confluiscono varie strade di comunicazione in un’ambientazione boschiva e con diverse frazioni. Fra queste Lama Mocogno è un attrezzato centro di sport invernali che dista una decina di chilometri dal capoluogo.
In località Sassostorno di Lama Mocogno è nato nel 1938 Romeo Venturelli, scomparso nel 2011. È stato corridore professionista dal 1960 al 1973.
 
MONTECRETO – km 192
Altro centro per sci e pattinaggio con vari parchi.
 
SESTOLA – km 198 e PIAN DEL FALCO (GPM) – km 203
Primo passaggio per Sestola seguito da Pian del Falco (GPM di 1^ cat.), sede nel passato, nel 1971, dell’arrivo di tappa che vide primeggiare lo spagnolo Josè Manuel Fuente mentre, due anni fa, nel 2014, successo dell’olandese Pieter Weeening all’arrivo posto in località Passo del Lupo.
 
FANANO – km 211
Luogo di villeggiatura caratterizzata dalla bella Torre dell’Orologio.
 
SESTOLA (GPM) – km 219
È una frequentata località di villeggiatura, sia estiva e, particolarmente, invernale, ai piedi del monte Cimone, la vetta più elevata dell’Appennino settentrionale (m.2165). Sono comunque varie e diversificate le attività sportive che si possono praticare nella zona e, fra queste, la mountain bike e il trekking. Il lago della Ninfa, bacino naturale, circondato da boschi di faggi, nei pressi di Passo del Lupo, ha piste per lo sci da fondo mentre in estate, così come vari altri luoghi di Sestola e dintorni, si prestano a escursioni e passeggiate, a piedi oppure in bicicletta, la MTB di preferenza. Notevole è il giardino botanico alpino Esperia, oasi botanica di specifica importanza. La parte storica dell’abitato è situata attorno all’antica fortezza ritenuta “inespugnabile”. Il Museo della civiltà montanara e contadina propone vari motivi legati alle attività e tradizioni del passato. Sestola e il monte Cimone con le sue piste da sci, rimandano al campione dello sci alpino Alberto Tomba.

COPERTURA TV
Le immagini della 99° edizione del Giro d’Italia vengono distribuite ai quattro angoli del globo: sono 184 i Paesi collegati con la Corsa Rosa, tramite 29 diversi network televisivi, 24 dei quali trasmettono in diretta.

IN ITALIA
RAI – Radio Televisione Italiana, storico host broadcaster dell’evento, garantisce alla Corsa Rosa ampia copertura. Il racconto delle fasi live delle tappe è articolato in tre distinte trasmissioni: si comincia con “Prima diretta” su Rai Sport 1, per passare in simulcast anche su Rai 3 e Rai HD a “Giro in diretta” nella fascia oraria 15:10 - 16:15, che lancia “Giro all’arrivo”, cronaca dell’ora finale di gara fino alle 17:15. Subito a ruota, le tradizionali analisi del dopo gara del Processo alla Tappa con chiusura alle 18:00. 
Telecamere puntate anche sulla partenza, con Giro Mattina che dal relativo villaggio trasmette su Rai Sport 1 operazioni di firma, interviste e il via della tappa, soffermandosi anche su aspetti di colore. Aneddoti e approfondimenti storici e culturali garantiti dalla rubrica “Viaggio nell’Italia del Giro”.
Per chi non ha la possibilità di seguire l’evento nel pomeriggio, completano il quadro la trasmissione serale TGiro, con il racconto della giornata appena conclusa, a partire dalle 20:00 su Rai Sport 1 e la successiva Giro Notte, riassunto di 90’ della tappa in programma per le 22:45 su Rai Sport 2. Streaming della Corsa Rosa sul sito 
www.rai.tv.

NEL MONDO
In Italia l’evento può essere seguito in diretta anche su Eurosport, che copre tutto il continente europeo grazie alle sue trasmissioni on-site in apertura alle 14:15 e al commento in 19 diverse lingue, distribuito in 53 Paesi.
In Francia invece, la diretta delle tappe ha luogo in esclusiva su beINSports, con approfondimenti direttamente dal campo di gara.
L’emittente pubblica olandese NOS trasmette gli ultimi 90 minuti delle tappe disputate nei fine settimana e gli highlights giornalieri di ogni frazione.
Copertura televisiva in chiaro in Europa è prevista anche per gli appassionati fiamminghi (con le dirette di VRT), danesi (live su TV2 Denmark), svizzeri (grazie a SRG SSR), spagnoli (diretta su Teledeporte e sull’emittente basca EITB) e kazaki, con gli highlights trasmessi da Kaz Sports.
La Corsa Rosa sbarca in America Latina grazie al network ESPN, che copre l’evento in diretta grazie al commento portoghese in Brasile, inglese nei Caraibi e in spagnolo nei rimanenti Paesi del Sudamerica. Ampia scelta per gli appassionati colombiani, che possono sintonizzarsi per seguire il live anche su RCN e su Señal Colombia. TDN garantisce la diretta in Messico e America Centrale, mentre beIN Sports trasmette negli Stati Uniti e RDS per il pubblico francofono del Canada.
Giro d’Italia anche sugli schermi di Medio Oriente e Nord Africa grazie alle dirette di beIN Sports, mentre in Sudafrica e Africa Subsahariana l’evento è visibile su vari canali dell’emittente Supersport.
In Asia, lo spettacolo della Corsa Rosa viene offerto in diretta in 16 Paesi grazie a Eurosport Asia Pacific; J Sports trasmette live in esclusiva in Giappone, altrettanto fa LeTV in Cina.
Gli highlights della gara sono poi visibili su FPT Telecom in Vietnam, mentre a beneficio del pubblico thailandese le fasi salienti delle tappe sono in programmazione sia su True Visions che su NOW26.
In Australia si conferma anche nel 2016 grande interesse per il Giro: SBS trasmette tutte le 21 le tappe in diretta, mentre Fox Sports ne offre gli highlights. Sia dirette, sia riassunti giornalieri in Nuova Zelanda grazie a Sky.
Infine, le immagini della Corsa Rosa vengono distribuite in tutto il mondo attraverso la piattaforma SNTV - Sports News Television e grazie a Sport24, il canale sportivo 24 ore su 24 rivolto al pubblico dei passeggeri di aerei e navi da crociera.




GIRO D’ITALIA – RIDE GREEN
Nella tappa del Chianti Classico raccolti oltre 2.300 kg di rifiuti, di cui l'80% sarà riciclato. Il totale fino ad ora è di oltre 15 tonnellate di rifiuti raccolti.

#Giro

PHOTO CREDIT: ANSA - PERI / DI MEO / ZENNARO
VIDEO CREDIT: ANSA - BAZZI



 ;

Video

 ;

 ;

 ;

 ;

 ;

TADEJ POGACAR ha vinto il GIRO D'ITALIA edizione 107 - TIM MERLIER [...] LA MAGLIA ROSA TADEJ POGACAR VINCE LA VENTESIMA TAPPA DEL GIRO [...] ANDREA VENDRAME VINCE LA DICIANNOVESIMA TAPPA DEL GIRO D’ITALIA [...] TIM MERLIER VINCE LA DICIOTTESIMA TAPPA DEL GIRO D’ITALIA TADEJ [...]