BIANCHI IN ROSA: LA TRADIZIONE CONTINUA pubblicato il 22/05/2016
Questo testo viene mostrato quando l'immagine è bloccata

BIANCHI IN ROSA: LA TRADIZIONE CONTINUA

Steven Kruijswijk del Team LottoNL-Jumbo regala a Bianchi il simbolo del primato grazie al 2° posto nella 14a tappa del Giro d’Italia

Kruijswijk in maglia rosa
Treviglio (Bergamo), 21 maggio 2016 - Bianchi e la Maglia Rosa del Giro d’Italia: un binomio scritto in pagine indimenticabili della storia del ciclismo è tornato a congiungersi oggi, Sabato 21 Maggio, grazie all'olandese Steven Kruijswijk(LottoNL-Jumbo) che ha conquistato il secondo posto di tappa e la maglia rosa al termine della 14a frazione, 210 km da Alpago (Belluno) a Corvara (Bolzano). Kruijswijk è arrivato al traguardo nella scia del colombiano Esteban Chaves, precedendo a sua volta l'austriaco Georg Preidler.

Si rinnova, dunque, la storica tradizione di Bianchi in maglia rosa al Giro d'Italia, proprio nella "tappa regina" sulle Dolomiti, nella quale Kruijswijk ha confermato lo straordinario ruolino di marcia che ha caratterizzato il suo percorso nella 99a edizione della Corsa Rosa, che lo ha visto in azione in sella a ben tre modelli Bianchi: SpecialissimaOltre XR.2 e – nelle prove contro il tempo – Aquila CV. A dieci anni dall'ultima volta, Bianchi ritrova così il sapore speciale della maglia rosa, all’esito di anni di grandissimo lavoro diretto allo sviluppo tecnologico delle sue biciclette, che anche in questo Giro stanno facendo la differenza su tutti i terreni. Non a caso, Bianchi aveva sfiorato la maglia rosa già nel cronoprologo di Apeldoorn (Paesi Bassi), dove lo sloveno Primoz Roglic si era classificato secondo a un solo centesimo da Tom Dumoulin, prima di centrare il successo di tappa, ancora a cronometro, nella 9a frazione.

In classifica generale, Steven Kruijswijk precede di 41 secondi l'italiano Vincenzo Nibali e di 1'32" il vincitore della 14a tappa, Esteban Chaves.

VERSO L’ALPE DI SIUSI CON SPECIALISSIMA
Domani Steven Kruijswijk cercherà di difendere la maglia rosa nella dura cronoscalata di 10,8 km da Castelrotto all'Alpe di Siusi, e lo farà con una versione esclusiva della ultraleggera Specialissima: nell’occasione, l’innovativo telaio Bianchi si presenterà in colorazione nera per una leggerezza ancora maggiore, in una prova tutta in salita che potrebbe scrivere una pagina importante di questo Giro d’Italia.

Il telaio Specialissima ha cambiato le regole del gioco nella categoria degli ultraleggeri grazie all'ottimizzazione del sistema integrato Countervail® che elimina le vibrazioni, brevettato da Materials Sciences Corporation e sviluppato per Nasa. La nuova forma del carbonio Countervail® introdotta da Bianchi è ottimizzata per ridurre la caratteristica nervosità dei modelli ultraleggeri. L'eccellente trazione e la stabilità alle alte velocità rendono Specialissima ideale per affrontare differenti tipologie di superfici in fase di accelerazione così come le curve più estreme, fasi tipiche in cui massima potenza e controllo sono fondamentali. 

LE BICI DEL TEAM LOTTONL - JUMBO
Oltre a Specialissima, Bianchi fornisce al Team LottoNL-Jumbo altri tre modelli in carbonio ad alte prestazioni: Oltre XR.2, Infinito CV e il telaio da crono Aquila CV.

 
Steven Kruijswijk
Image
Foto: 1) Steven Kruijswijk festeggia la maglia rosa; 2-3) Steven Kruijswijk (Team LottoNL-Jumbo) in azione nella 14a tappa (Credits Bettini Photo)



Tappa n. 14 – FARRA (Alpago) – CORVARA (Alta Badia)

 

Percorso

Tappone Dolomitico. Negli ultimi 150 km si scalano sei passi dolomitici per 4700 m di dislivello (su 5400 totali). Si percorre la valle del Cordevole su strade larghe e ben pavimentate fino a Arabba dove si affronta il Passo Pordoi. Seguono in rapida sequenza (senza pianura) i Passi Sella, Gardena e il primo passaggio sulla linea di arrivo (TV) a Corvara. Si scalano quindi il Passo Campolongo, il Passo Giau (la salita più dura di giornata con 9% medio e primi chilometri sopra il 10-12%) e il Passo Valparola, che immette al termine della discesa negli ultimi 5 km. Le salite e le discese sono caratterizzate da numerosi tornanti e da alcuni attraversamenti urbani anche ristretti.

 

Ultimi km

Ultimi 5 km generalmente in salita. Si percorre subito il Muro del Gatto (360 m dal 13 al 19%) per poi ridiscendere sulla strada statale per Corvara sempre in leggera ascesa (2-3% medio). Ultima curva a 150 m dall’arrivo. Rettilineo in leggera salita su asfalto di larghezza 6 m.


14 ª tappasabato 21Alpago (Farra)-Corvara, 210 km 



Salita Passo Pordoi

Salita Passo Sella

Salita Passo Gardena

Salita Passo Campolongo


Salita Passo Giau

Salita Passo Valparola

Salita Muro del Gatto

Ultimi km



Il colombiano Esteban Chaves ha vinto a Corvara la 14a durissima tappa del Giro d'Italia 2016


L'olandese Steven Kruijswijk è la nuova maglia rosa
ESTEBAN CHAVES vince il TAPPONE del GIRO D'ITALIA - VINCENZO NIBALI DEMOLISCE sul Valparola VALVERDE - L'olandese KRUIJSWIJK NUOVA MAGLIA ROSA Ora nella generale, lo Squalo è 2° a 41" dall'olandese Kruijswijk, davanti al fortissimo colombiano della Orica e a Valverde e Amador
 
Corvara (BZ), 21 maggio 2016 - La Regina del 99° Giro d'Italia, parla colombiano ed olandese con Esteban Chaves della Orica GreenEDGE e Steven Kruijswijk della Lotto-JumboNl.
Chaves ha vinto in uno sprint a tre lanciato all'ultima goccia di sudore, al termine di una delle più massacranti tappe del Giro d'Italia, con sei GPM che hanno fatto la storia della ciclismo di tutti i tempi, 5500 metri di dislivello affrontati in 210 chilometri, percorsi da Farra di Alpago a Corvara in Alta Badia.
Al termine di 6 ore 6' e 16" di sella, manubrio e pedali, è l'olandese Steven 
Kruijswijk ad indossare questa sera la Maglia Rosa, lui che accortosi sull'ultimo Passo di Valparola, di possedere più energie di Vincenzo Nibali, ha trovato la forza e il coraggio di agganciare le ruote voraci del colombiano Esteban Chaves, il 26enne di Bogotà, cresciuto ciclisticamente nel bresciano, in Italia, nel Team Colombia di Claudio Corti.

Ma è stato Nibali, lo Squalo dell'Astana, a fare oggi da mossiere nel palio di questa frazione di metà Giro 2016, colui che a 27 km dall'arrivo sul Valparola, ultima grande salita, ha colto il testimone di un indomabile Michele Scarponi, gran fantino apri pista, attaccando con una delle sue famose rasoiate, che hanno sortito l'effetto di far saltare Alejandro Valverde, il quale aveva già perso nel precedente Passo Giau, il compagno di squadra in maglia rosa Andrey Amador, poi riagganciatosi nel finale.

In realtà la vittoria della tappa se la stavano giocando in tre, 
AtapumaSiutsou e Preidler, i reduci della maxi fuga che con oltre 8' di vantaggio sul Passo Pordoi, rappresentava la testa di ponte della Carovana Rosa, nella prima giornata dolomitica.

E' stato l'altro colombiano, Darwin Atapuma che veste i colori della BMC, scévro di vittorie nel professionismo, il più lesto a caccia di una grande affermazione al Giro d'Italia, ma il suo sogno è sfumato dopo il micidiale Muro del Gatto, quei 320 metri che sono in realtà un 7° passo, posto a 4200 metri dall'arrivo e affrontato abitualmente nella 
Maratona Dles Dolomites, che i Prof. non potevano di certo non gradire e superare, la salita a far male al 28enne di Túquerres, che si è fatto raggiungere dal trio KruijswihìjkPreidler e Chaves, quest'ultimo il più fresco e veloce di tutti.

Nibali ha tagliato poi il traguardo al 5° posto, dopo aver inseguito negli ultimi 20 km i battistrada, segnando un distacco di 37" dal vincitore e sopratutto, grazie alla sua stoccata sul Valparola, ha messo 2'23" fra se e Alejandro Valverde e oggi, il murciano specialista dei muri da classica, da probabilmente l'addio alle sue ambizioni nella corsa rosa.
Ma il Giro d'Italia è ancora lungo, domani c'è la difficile cronometro in salita all'Alpe di Siusi e sopratutto questa sera, è a tutti chiaro che Esteban Chaves, il piccoletto,  quando sale in bicicletta è un grande ed è lui ora l'uomo da battere, anche se i 51" a vantaggio del siciliano, sono un tempo gestibile nei 10.850 metri all'iinsù, da Castelrotto all'Alpe di Siusi.

Andrea Magnani dalla Sala Stampa del 99° Giro d'Italia

 


 

tappa 14

Alpago (Farra) Corvara (Alta Badia) 21.05.2016

LA CRONACA 

PARTENZA (Alpago/Farra – ore 11.09 – 174 gli atleti al via; mossiere: il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia)

Tutti assieme, andatura veloce.

Attorno al km 43, da registrare un ritiro: abbandona Demare (dorsale 71, Fdj).

Gruppo che si fraziona in due parti.

La media dopo un’ora di corsa: 48,500 km/h.

La prima parte del gruppo è composta da 36 corridori: Domont, Houle, Zeits, Boem, Bongiorno, Colbrelli, Atapuma, Moser, Brown,

Siutsou, De La Cruz, Trentin, Firsanov, Denifl, Ulissi, Conti, Modolo, Mori, Wellens, Ligthart, Monfort, Betancur, Herrada, Cunego,

Berlato, Plaza, Preidler, Silin, Taaramae, Castelijns, Roglic, Lopez, Roche, Didier, Busato e Martinez.

Km 53: i 36 viaggiano con 1’ di vantaggio su Kochetkov e 3’26” sul gruppo; km 61: gruppo a 4’10”; Kochetkov riesce a rientrare

davanti: sono ora 37 i battistrada; km 66: 4’19”; km 70: 4’38”; atleti Movistar a guidare in gruppo; km 75: 4’32”.

Altro ritiro: abbandona Brandle (dorsale 92, Iam); km 80: 4’51”.

Media dopo due ore di gara: 41 km/h.

Traguardo Volante (km 85,4 – Arabba)

I passaggi: Ulissi, Trentin, Ligthart, Colbrelli, Mori e gli altri 32 fuggitivi; il gruppo transita a 5’58”.

Un altro ritiro: Niemiec (dorsale 107, Lam).

In salita, lungo il Pordoi. Si staccano, davanti, Firsanov e Betancur.

Gran Premio della Montagna (km 94,7 – Passo Pordoi – m 2.239 – 1ª categoria)

I passaggi: Cunego e Denifl; a 18” Lopez; a 28” Mori, Ulissi, Domont, Siutsou, Wellens e gli altri; il gruppo a 7’06”.

Ancora in salita verso il Sella.

Dopo un primo tentativo di Moser, Wellens e Lopez, è ancora Lopez tra i battistrada a insistere da solo; numerosi corridori del primo

gruppo perdono contatto; sempre Movistar a scandire il ritmo nel gruppo-maglia rosa.

Gran Premio della Montagna (km 106,6 – Passo Sella/Sellajoch – m 2.244 – 2ª categoria)

I passaggi: Lopez anticipa di 22” Roche e Atapuma; a 28” Siutsou, Cunego e Moser; via via sgranati gli altri; il gruppo a 8’40”.

Abbandono di De Backer (dorsale 153, Tga).

La media dopo tre ore: 35,400 km/h.

Su Lopez, si portano prima Roche e Atapuma, poi Moser, Siutsou, De La Cruz, Monfort, Kochetkov, Domont, Zeits, Cunego, Plaza e

Preidler: 13 i battistrada.

Salendo al Gardena, allungo davanti di Plaza.

Gran Premio della Montagna (km 117,7 – Passo Gardena/Grödnerjoch – m 2.121 – 3ª categoria)

I passaggi: Plaza con 18” su Lopez, De La Cruz e Atapuma; a 1’15” il resto del gruppetto; a 9’ il gruppo-maglia rosa.

Traguardo Volante (km 126,8 – Corvara)

I passaggi: Plaza con 32” su Lopez, De La Cruz e Atapuma; a 1’38” Preidler e il resto del gruppetto; gruppo-maglia rosa transita a

8’25”.

Ritiro di Hesjedal (dorsale 201, Tfs).

Si sale al Campolongo.

Gran Premio della Montagna (km 132,8 – Passo Campolongo – m 1.875 – 2ª categoria)

I passaggi: Plaza con 45” di vantaggio su Lopez, Atapuma e De La Cruz; a 1’15” Siutsou e Moser; a 1’48” un gruppetto guidato da

Cunego; un altro gruppetto con Ulissi transita a 6’02”; gruppo-maglia rosa a 9’25”.

Situazione al km 141: Plaza insiste solitario; alle sue spalle, con un ritardo di 1’12”, si sono ricompattati Zeits, Atapuma, Moser,

Siutsou, De La Cruz, Monfort, Preidler, Kochetkov, Lopez, Roche e Busato.

Media dopo quattro ore: 36,450 km/h.

Km 147: gli undici più immediati inseguitori a 1’40” da Plaza.

Col rientro di Denifl, dodici gli immediati inseguitori; al km 151 il margine per Plaza è di 2’.

Situazione generale al km 154: Plaza con 2’10” sul gruppetto dei dodici; a 2’20” Domont, Herrada, Cunego e Roglic; a 7’ Silin; a 8’50” il

gruppetto-Ulissi (presto ripreso); gruppo-maglia rosa a 9’12”.

Ancora in salita, verso Passo Giau.

Al cartello dei 50 km al traguardo: 1’38” il ritardo dei primi dodici inseguitori; recupera Cunego, perdono contatto tra gli inseguitori,

Zeits, Moser, Kochetkov e Busato: otto ora i più diretti inseguitori di Plaza; a 8’21” il gruppo-maglia rosa ora condotto dall’Astana.

Si sgrana il primo gruppetto inseguitore: al km 163, Plaza conserva 47” su Atapuma e Siutsou; a 58” Roche; a 1’14” De La Cruz; a

1’20” Cunego; a 6’43” il gruppo-maglia rosa.

Atapuma e Siutsou raggiungono e lasciano Plaza.

Al cartello dei – 45 km al traguardo: Atapuma e Siutsou con 27” su Preidler e Plaza; a 49” De La Cruz; a 53” Roche; a 1’18” Cunego;

a 5’14” il gruppo-maglia rosa (in difficoltà prima la maglia bianca Jungels, poi pure la maglia rosa Amador).

Gran Premio della Montagna (km 168,8 – Passo Giau – m 2.236 – 1ª categoria)

Passaggi e situazione generale: Atapuma e Siutsou; a 30” Preidler; a 1’30” De La Cruz; a 1’50” Cunego; a 2’ Roche; a 2’35” Monfort; a

3’ Plaza; a 3’06” Kochetkov; a 3’38” Denifl; a 4’10” il gruppo con Nibali e Valverde; la maglia rosa Amador transita a 5’06”.

Media dopo cinque ore: 33,800 km/h.

In discesa verso Pocol: recupera terreno la maglia rosa Amador; davanti Preidler raggiunge Atapuma e Siutsou; alle spalle dei tre di

testa, Monfort e Cunego; all’inizio della salita verso il Passo Valparola, Amador rientra nel gruppetto con Nibali e Valverde (distacco

dalla testa della corsa: 4’06”).

Km 183: Monfort e Cunego a 1’48”; a 2’30” Roche; a 3’12” il gruppo-maglia rosa; a 3’48” Fuglsang; a 4’48” transita Jungels.

Davanti, scatto di Atapuma; dietro, di Nibali cui si agganciano Kruijswuijk e Chaves, poi pure Majka, Zakarin e Uran.

Ai – 25: Atapuma con 15” su Siutsou e Preidler; a 2’13” Nibali, Kruijswijk, Chaves, Majka, Zakarin e Uran; a 2’48” Monfort”; a 3’12” il

ritardo del gruppetto con Valverde, Amador e Pozzovivo.

Nel gruppetto-Nibali, forcing di Kruijswijk che allunga assieme a Chaves; perde terreno Nibali.

Gran Premio della Montagna (km 190,6 – Passo Valparola – m 2.200 – 2ª categoria)

I passaggi: Atapuma con 35” su Siutsou, Preidler, Chaves e Kruijswijk; a 1’10” Nibali; a 1’50” Zakarin e Majka; a 2’04” Uran; a 3’10” il

gruppetto con Valverde, Amador e Pozzovivo.

Ai – 15: il quartetto-Chaves a 32” da Atapuma; a 1’10” Nibali.

Ai – 10: 28” per il quartetto-Chaves; 56” per Nibali; il gruppetto con Valverde e Amador transita a 3’10”.

Ai – 5: Atapuma con 27” su Chaves, Kruijswijk e Preidler; a 35” Siutsou; a 47” Nibali; 3’14” per Valverde-Amador.

Ai – 3: 14” per il terzetto-Chaves; 33” per Nibali; dietro perde ancora terreno la maglia rosa Amador.

Ripreso Atapuma ai – 2 dal traguardo: quattro battistrada a giocarsi la vittoria di tappa.

ARRIVO (Corvara / Alta Badia – km 210)

Vittoria di Chaves davanti a Kruijswijk (nuova maglia rosa) e Preidler; a seguire: Atapuma a 6”; Nibali e Siutsou a 37”; Zakarin e Majka

a 2’29”; Uran a 2’50”; a 3’ Pozzovivo, Valverde, Fuglsang e Scarponi; Amador a 3’52”.

Tempo del vincitore: 6h06’16”, alla media di 34,401 km/h.

 


 

ESTEBAN CHAVES VINCE LA TAPPA REGINA DEL GIRO D'ITALIA
STEVEN KRUIJSWIJK È LA NUOVA MAGLIA ROSA

Spettacolo sulle Dolomiti, attacchi e contrattacchi tra gli uomini di classifica

Corvara (Alta Badia), 21 maggio 2016 – Il corridore colombiano Esteban Chaves (Orica Greenedge) ha vinto la quattordicesima tappa del 99º Giro d'Italia, da Alpago (Farra) a Corvara (Alta Badia) di 210 km. Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Steven Kruijswijk (Team Lotto NL - Jumbo) e Georg Preidler (Team Giant - Alpecin).

Steven Kruijswijk (Team Lotto NL - Jumbo) è la nuova Maglia Rosa di leader della Classifica Generale.

RISULTATO FINALE
1 - Esteban Chaves (Orica Greenedge) - 210 km in 6h06'16", media 34,401 km/h
2 - Steven Kruijswijk (Team Lotto NL - Jumbo) s.t.
3 - Georg Preidler (Team Giant - Alpecin) s.t.

MAGLIE

  • Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Steven Kruijswijk (Team Lotto NL - Jumbo)
  • Maglia Rossa, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Algida - Giacomo Nizzolo (Trek - Segafredo)
  • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Damiano Cunego (Nippo - Vini Fantini)
  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Bob Jungels (Etixx - Quick-Step)
CLASSIFICA GENERALE
1 - Steven Kruijswijk (Team Lotto NL - Jumbo)
2 - Vincenzo Nibali (Astana Pro Team) a 41"
3 - Esteban Chaves (Orica Greenedge) a 1'32"
4 - Alejandro Valverde (Movistar Team) a 3'06"
5 - Andrey Amador (Movistar Team) a 3'15"



Il vincitore, Esteban Chaves subito dopo il traguardo, ha dichiarato: "Vincere una tappa al Giro d'Italia è stato il mio sogno si da quando ho cominciato la mia carriera da professionista con il Team Colombia, proprio qui in Italia. Amo questa corsa! Vincere la tappa più dura è ancora meglio. Devo ringraziare tutte le persone che mi hanno permesso di arrivare fino a questo punto. Grazie anche al mio direttore sportivo Matt White che mi ha dato informazioni preziosissime per la vittoria".

La Maglia Rosa 
Steven Kruijswijk ha dichiarato: "Mi sentivo davvero bene. Ho chiesto al mio direttore sportivo se era meglio salvare energie per la crono di domani o meno. Abbiamo deciso di andare a tutta. Mi sembrava di stare un po' meglio di Vincenzo Nibali e ho pensato che era il giorno buono per avvantaggiarsi. Fortunatamente mi ha seguito un corridore molto forte. È una soddisfazione enorme indossare la Maglia Rosa, specialmente in un luogo meraviglioso come le Dolomiti".

Seguiranno le dichiarazioni della conferenza stampa e altri materiali.



TAPPA DI DOMANI
Tappa n. 15 – Castelrotto (Kastelruth) - Alpe di Siusi (Seiser Alm) – Cronometro Individuale – 10,850 km
Cronometro individuale in salita. Primi 1800 m in falsopiano seguiti da 9 km di salita, 8,3% di media. Strada larga e ben pavimentata. Tratti rettilinei sono intervallati a tornanti dal raggio di curvatura elevato. Cronometraggio intermedio al km 4,4.
 
Ultimi km
Gli ultimi chilometri sono interamente in salita con una pendenza molto costante (media 8%, max 11%), tutti su strade larghe e ben pavimentate. Nella parte finale si affronta una serie di tornanti. L’arrivo è largo 6 m su fondo di asfalto al termine di un rettilineo di 180 m.

DOWNLOAD

#Giro

 
 

CHAVES RE DELLE DOLOMITI
Steven Kruijswijk indossa la Maglia Rosa. Nibali si difende. Valverde e Amador perdono terreno

Corvara (Alta Badia), 21 maggio 2016 – Seguendo le orme del vincitore del Giro 2014Nairo Quintana, il colombiano Esteban Chaves ha vinto la tappa regina della 99esima edizione della Corsa Rosa a Corvara (Alta Badia). Il suo partner nell'attacco a due, Steven Kruijswijk, ha indossato la Maglia Rosa per la prima volta in carriera. Il duo del Team Movistar, Andrey Amador e Alejandro Valverde, è arrivato distaccato, così come Vincenzo Nibali che però ha contenuto i danni e si trova secondo in Generale con 41 secondi di distacco.

TAPPA DI DOMANI: Castelrotto (Kastelruth) - Alpe di Siusi (Seiser Alm) – Cronometro Individuale
Primo corridore a partire domani nella cronometro: Jack Bobridge (Trek - Segafredo) - 13.30
Ultimo corridore a partire domani nella cronometro: Steven Kruijswijk (Team Lotto NL - Jumbo) - 16.46
I corridori partiranno ogni minuto, con eccezione degli ultimi 15 che partiranno ogni tre minuti.

DOWNLOAD

RISULTATO FINALE

1 - Esteban Chaves (Orica Greenedge) - 210 km in 6h06'16", media 34,401 km/h
2 - Steven Kruijswijk (Team Lotto NL - Jumbo) s.t.
3 - Georg Preidler (Team Giant - Alpecin) s.t.

MAGLIE

  • Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Steven Kruijswijk (Team Lotto NL - Jumbo)
  • Maglia Rossa, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Algida - Giacomo Nizzolo (Trek - Segafredo)
  • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Damiano Cunego (Nippo - Vini Fantini)
  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Bob Jungels (Etixx - Quick-Step)

 

CLASSIFICA GENERALE
1 - Steven Kruijswijk (Team Lotto NL - Jumbo)
2 - Vincenzo Nibali (Astana Pro Team) a 41"
3 - Esteban Chaves (Orica Greenedge) a 1'32"
4 - Alejandro Valverde (Movistar Team) a 3'06"
5 - Andrey Amador (Movistar Team) a 3'15"

LE PILLOLE STATISTICHE

  • Prima vittoria al Giro per Esteban Chaves, alla sua seconda partecipazione. Finora non era mai salito sul podio alla Corsa Rosa. Si tratta anche della sua prima vittoria stagionale. Il suo ultimo successo era stato l’Abu Dhabi Tour dell’anno scorso (3^ tappa e classifica finale)
  • 22^ vittoria per la Colombia al Giro: il loro ultimo successo era stato alla Cima Grappa 2014 (Nairo Quintana). Il primo fu di Martin Emilio “Cochise” Rodriguez: tappa di pianura (la 15^) con arrivo a Forte dei Marmi nel 1973
  • Prima Maglia Rosa per Steven Kruijswijk, per la prima volta al comando di un Grand Tour. Nella sua carriera da professionista finora era stato al comando di una gara a tappe solo alla Arctic Race of Norway 2014, gara che poi vinse



DICHIARAZIONI
Il vincitore di tappa, 
Esteban Chaves, ha detto in conferenza stampa: “Grazie a tutti per essere venuti. L'Orica - Greenedge è stata come una famiglia per me dal momento in cui ho firmato il contratto. Tempo fa ho sofferto di un grave infortunio al braccio e un dottore mi ha detto che non sarei mai più andato in bici. Ecco perché l'ho alzato dopo il traguardo. Quest'anno il mio compagno Mathew Hayman ha vinto la Parigi-Roubaix proprio dopo essersi rotto un braccio. Ho sempre sognato di vincere una tappa al Giro. È un sogno aver vinto la tappa regina sulle Dolomiti. È troppo presto per dire se io sia un favorito per la vittoria finale o meno”.

La Maglia Rosa, Steven Kruijswijk, ha dichiarato in conferenza stampa: “Questa giornata per me è meravigliosa. Ci speravo un po', ero vicino alla Maglia Rosa. Significa tantissimo per me. Questo è il mio sesto Giro, amo questa corsa perché amo le salite. L'anno scorso me la giocavo con ContadorAru e Landa sulle montagne nella terza settimana, ma avevo perso molto tempo nei giorni prima. Ho perso solo dieci secondi da Nibali nell'ultima crono. Se domani dovessi perderne altrettanti significherebbe che sarei ancora in Maglia Rosa, anche se sinceramente spero di guadagnarne nonostante la stanchezza”.

La Maglia Bianca, Bob Jungels“Stavo abbastanza bene, ma è stato una giornata durissima, qualcosa che non avevo mai affrontato prima. Nella penultima salita non sono riuscito a stare davanti e sono andato del mio passo. Sono contento di avere ancora la Maglia Bianca e non sono lontanissimo in Generale, anche se mi ci vorrà un po' per recuperare da questa tappa di montagna. Non vinci il Giro al primo anno in cui partecipi. Devi imparare a conoscere le salite, sono durissime. Spero di tornare per fare sempre meglio”.

La Maglia Azzurra, Damiano Cunego“Oggi forse è stata la prima tappa durissima del Giro d’Italia. Ho corso anche per vincerla, non solo per la Maglia Azzurra. Ho pagato i cambi di ritmo fisicamente e mentalmente, quindi ho cambiato obiettivo ed ho puntato alla maglia. Sto bene ma il livello è elevatissimo”.



TAPPA DI DOMANI
Tappa n. 15 – Castelrotto (Kastelruth) - Alpe di Siusi (Seiser Alm) – Cronometro Individuale – 10,850 km
Cronometro individuale in salita. Primi 1800 m in falsopiano seguiti da 9 km di salita, 8,3% di media. Strada larga e ben pavimentata. Tratti rettilinei sono intervallati a tornanti dal raggio di curvatura elevato. Cronometraggio intermedio al km 4,4.
 
Ultimi km
Gli ultimi chilometri sono interamente in salita con una pendenza molto costante (media 8%, max 11%), tutti su strade larghe e ben pavimentate. Nella parte finale si affronta una serie di tornanti. L’arrivo è largo 6 m su fondo di asfalto al termine di un rettilineo di 180 m.


PUNTI D'INTERESSE
CASTELROTTO / KASTELRUTH – km 0
Il nome origina da un vecchio maniero romanico del 1200, chiamato appunto Castelvecchio, i cui ruderi sono ancora visibili e visitabili liberamente, in posizione dominante su un blocco roccioso, nella località di Siusi allo Sciliar, a quota 1273. Castelrotto fruisce della denominazione di “comune mercato” che era, soprattutto nel passato, un segno di distinzione. Molta parte del territorio del comune di Castelrotto è inserito nel Parco naturale dello Sciliar, ai piedi dell’Alpe di Siusi, luoghi in cui natura e attività, quelle legate al turismo convivono, sia estivo, sia invernale, in piena armonia. L’economia della zona nel passato si reggeva soprattutto sull’allevamento, grazie anche agli spaziosi pascoli, mentre poi è il turismo, con ottime ricettività in ogni stagione, la voce preponderante dell’economia.
La chiesa dei Santi Pietro e Paolo che risale a metà del 1800 è distinta dalla sagoma del grande campanile che svetta sulle tipiche e piacevoli abitazioni. Diverse sono le tradizioni popolari, fra le quali il “matrimonio contadino”.
Sono di Castelrotto i noti sciatori – e cugini – Denise Karbon (1980) e Peter Fill (1982).
Il parco naturale Sciliar-Catinaccio è una grande area che comprende e preserva le peculiari prerogative ambientali e paesaggistiche dell’area compresa fra il massiccio dello Sciliar con la vetta più elevata, il monte Pez, m.2563 e il Catinaccio con la vetta del Catinaccio d’Antermoia a m.3004. Nel comprensorio costituisce, fra vari altri, piacevole motivo il lago di Fié, nell’omonimo comune, soffuso di una particolare atmosfera che ha alimentato leggende locali.
 
ALPE DI SIUSI / SEISERALM (GPM) – km 10,8
L’altopiano dell’Alpe di Siusi (arrivo in salita e GPM 1^categoria) è situato circa a quota m.1850 ed è l’alpeggio più vasto d’Europa con un’estensione di 52 kmq. Delimitato dalla Val Gardena a nord, dal gruppo del Sassolungo a nord-est e dal massiccio dello Sciliar a sud est che connota la zona con la sua caratteristica sagoma. Da qui lo sguardo può arrivare al gruppo del Sella, del Catinaccio e della Marmolada. L’Alpe di Siusi è ricchissima d’infrastrutture per il turismo invernale ed estivo con impianti che la collegano anche a Ortisei e Siusi, nella Val Gardena.
Il Giro d’Italia, nel 2009, nella sua fase iniziale, ha qui decretato la vittoria del russo Denis Menchov nella 5^ tappa, con partenza da San Martino di Castrozza.



COPERTURA TV
Le immagini della 99° edizione del Giro d’Italia vengono distribuite ai quattro angoli del globo: sono 184 i Paesi collegati con la Corsa Rosa, tramite 29 diversi network televisivi, 24 dei quali trasmettono in diretta.

IN ITALIA
RAI – Radio Televisione Italiana, storico host broadcaster dell’evento, garantisce alla Corsa Rosa ampia copertura. Il racconto delle fasi live delle tappe è articolato in tre distinte trasmissioni: si comincia con “Prima diretta” su Rai Sport 1, per passare in simulcast anche su Rai 3 e Rai HD a “Giro in diretta” nella fascia oraria 15:10 - 16:15, che lancia “Giro all’arrivo”, cronaca dell’ora finale di gara fino alle 17:15. Subito a ruota, le tradizionali analisi del dopo gara del Processo alla Tappa con chiusura alle 18:00. 
Telecamere puntate anche sulla partenza, con Giro Mattina che dal relativo villaggio trasmette su Rai Sport 1 operazioni di firma, interviste e il via della tappa, soffermandosi anche su aspetti di colore. Aneddoti e approfondimenti storici e culturali garantiti dalla rubrica “Viaggio nell’Italia del Giro”.
Per chi non ha la possibilità di seguire l’evento nel pomeriggio, completano il quadro la trasmissione serale TGiro, con il racconto della giornata appena conclusa, a partire dalle 20:00 su Rai Sport 1 e la successiva Giro Notte, riassunto di 90’ della tappa in programma per le 22:45 su Rai Sport 2. Streaming della Corsa Rosa sul sito 
www.rai.tv.

NEL MONDO
In Italia l’evento può essere seguito in diretta anche su Eurosport, che copre tutto il continente europeo grazie alle sue trasmissioni on-site in apertura alle 14:15 e al commento in 19 diverse lingue, distribuito in 53 Paesi.
In Francia invece, la diretta delle tappe ha luogo in esclusiva su beINSports, con approfondimenti direttamente dal campo di gara.
L’emittente pubblica olandese NOS trasmette gli ultimi 90 minuti delle tappe disputate nei fine settimana e gli highlights giornalieri di ogni frazione.
Copertura televisiva in chiaro in Europa è prevista anche per gli appassionati fiamminghi (con le dirette di VRT), danesi (live su TV2 Denmark), svizzeri (grazie a SRG SSR), spagnoli (diretta su Teledeporte e sull’emittente basca EITB) e kazaki, con gli highlights trasmessi da Kaz Sports.
La Corsa Rosa sbarca in America Latina grazie al network ESPN, che copre l’evento in diretta grazie al commento portoghese in Brasile, inglese nei Caraibi e in spagnolo nei rimanenti Paesi del Sudamerica. Ampia scelta per gli appassionati colombiani, che possono sintonizzarsi per seguire il live anche su RCN e su Señal Colombia. TDN garantisce la diretta in Messico e America Centrale, mentre beIN Sports trasmette negli Stati Uniti e RDS per il pubblico francofono del Canada.
Giro d’Italia anche sugli schermi di Medio Oriente e Nord Africa grazie alle dirette di beIN Sports, mentre in Sudafrica e Africa Subsahariana l’evento è visibile su vari canali dell’emittente Supersport.
In Asia, lo spettacolo della Corsa Rosa viene offerto in diretta in 16 Paesi grazie a Eurosport Asia Pacific; J Sports trasmette live in esclusiva in Giappone, altrettanto fa LeTV in Cina.
Gli highlights della gara sono poi visibili su FPT Telecom in Vietnam, mentre a beneficio del pubblico thailandese le fasi salienti delle tappe sono in programmazione sia su True Visions che su NOW26.
In Australia si conferma anche nel 2016 grande interesse per il Giro: SBS trasmette tutte le 21 le tappe in diretta, mentre Fox Sports ne offre gli highlights. Sia dirette, sia riassunti giornalieri in Nuova Zelanda grazie a Sky.
Infine, le immagini della Corsa Rosa vengono distribuite in tutto il mondo attraverso la piattaforma SNTV - Sports News Television e grazie a Sport24, il canale sportivo 24 ore su 24 rivolto al pubblico dei passeggeri di aerei e navi da crociera.

#Giro

PHOTO CREDIT: ANSA - PERI / DI MEO / ZENNARO
VIDEO CREDIT: ANSA - BAZZI
 

SCARICA TUTTE LE CLASSIFICHE UFFICIALI DEL 99° GIRO D'ITALIA 
 

BUONGIORNO DALLA TAPPA 14 DEL GIRO D’ITALIA
Il tappone dolomitico attende i campioni del pedale sui passi della leggenda

Alpago (Farra), 21 maggio 2016 – Buongiorno dalla quattordicesima tappa del Giro d'Italia, da Alpago (Farra) a Corvara (Alta Badia) di 210 km, il tanto atteso tappone dolomitico con ben sei passi alpini.

La corsa ha passato il km 0 alle ore 11.09 con il gruppo forte di 174 corridori.


METEO
Alpago (Farra): Sereno, 20°C. Vento: debole – 5 kmh.
Corvara (Alta Badia – 17.15 - Arrivo): Sereno, 20°C. Vento: moderato – 18 kmh.

DOWNLOAD

MAGLIE

  • Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - Andrey Amador (Movistar Team)
  • Maglia Rossa, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Algida - Giacomo Nizzolo (Trek - Segafredo)
  • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Damiano Cunego (Nippo - Vini Fantini)
  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - Bob Jungels (Etixx - Quick-Step)

PUNTI E ABBUONI IN PALIO
Durante la tappa ci saranno 13 secondi di abbuono massimo in palio per la classifica generale, 3 al secondo traguardo volante e 10 sul traguardo finale per il primo classificato. Vi sono inoltre 31 punti per la classifica della Maglia Rossa e ben 122 punti in palio per la classifica di miglior scalatore, il punteggio massimo ottenibile in una singola tappa.

CLASSIFICA GENERALE
1 - Andrey Amador (Movistar Team)
2 - Bob Jungels (Etixx - Quick-Step) a 26"
3 - Vincenzo Nibali (Astana Pro Team) a 41"
4 - Alejandro Valverde (Movistar Team) a 43"
5 - Steven Kruijswijk (Team Lotto NL - Jumbo) s.t.



Tappa n. 14 – Alpago (Farra) - Corvara (Alta Badia) – 210 km
Arrivo: 17.15 circa
Quartiertappa: Tennis Corvara, Strada Burjé, 5

Percorso
Tappone Dolomitico. Negli ultimi 150 km si scalano sei passi dolomitici per 4700 m di dislivello (su 5400 totali). Si percorre la valle del Cordevole su strade larghe e ben pavimentate fino a Arabba dove si affronta il Passo Pordoi.

Seguono in rapida sequenza (senza pianura) i Passi Sella, Gardena e il primo passaggio sulla linea di arrivo (TV) a Corvara. Si scalano quindi il Passo Campolongo, il Passo Giau (la salita più dura di giornata con 9% medio e primi chilometri sopra il 10-12%) e il Passo Valparola, che immette al termine della discesa negli ultimi 5 km. Le salite e le discese sono caratterizzate da numerosi tornanti e da alcuni attraversamenti urbani anche ristretti.
 
Ultimi km
Ultimi 5 km generalmente in salita. Si percorre subito il Muro del Gatto (360 m dal 13 al 19%) per poi ridiscendere sulla strada statale per Corvara sempre in leggera ascesa (2-3% medio). Ultima curva a 150 m dall’arrivo. Rettilineo in leggera salita su asfalto di larghezza 6 m.

PUNTI D'INTERESSE
FARRA D’ALPAGO – km 0
La sede di ritrovo e di partenza è nel comune di Farra d’Alpago, sulla riva nord-orientale del Lago di Santa Croce (è il più esteso fra quelli completamente nel territorio del Veneto ed è stato ampliato con interventi artificiali negli anni Trenta). Offre diverse opportunità di pratica sportiva fra i boschi e i monti, in un gradevole contesto ambientale. Nella frazione di Poiatte, a metà lago, sono ritrovabili particolari condizioni climatiche e d’ambiente che favoriscono la vela e il windsurf. La zona dell’Alpago, nelle Prealpi Bellunesi ai piedi dell’altopiano del Cansiglio (nome che individua un vasto territorio ricco di boschi e pascoli, a circa mille metri d’altitudine) è già varie volte stata toccata da tappe della corsa rosa.
 
PONTE NELLE ALPI – km 8 e BELLUNO – km 15
Il percorso prevede il passaggio per Ponte nelle Alpi, attraversata dal fiume Piave, con caratteristici scorci e quindi Belluno, il capoluogo della provincia, situata su uno sperone della vallata. Il centro cittadino riflette negli edifici l’influenza veneziana rilevabile nel Duomo, nel Palazzo dei Rettori con la torre dell’Orologio e altre strutture di pregio. Via Mezzaterra è l’arteria principale e conferma il richiamo veneziano. Dino Buzzati (1906-Milano 1972), giornalista, scrittore e con vari altri interessi che ha pure legato il suo nome al Giro d’Italia, è nato a Belluno.
 
AGORDO – km 43
Dopo Mas, frazione di Sedico, si è nel parco nazionale delle Dolomiti Bellunesi con Agordo, zona di villeggiatura con i piacevoli dintorni e di lavorazione nel settore dell’occhialeria. È nato qui nei primi anni ’60 il primo nucleo della Luxottica. Di rilievo sono le precedenti tradizioni nell’attività estrattiva e di lavorazione del ferro (Agordo è sede di un Istituto Tecnico Minerario). Vari edifici e testimonianze ricordano la sua storia.
 
ALLEGHE – km 62
Da Cencenighe Agordino la strada inizia a salire nel panorama sovrastato dal monte Civetta con vetta a m. 3220. Si giunge ad Alleghe che, con il suo lago formatosi dopo una frana nel 1771 nel torrente Cordevole, si propone quale centro di villeggiatura e sport, sia invernali, sia estivi, con la straordinaria veduta della verticale “parete delle pareti” del Civetta.
 
ARABBA (traguardo volante) – km 85
In questo tratto (e in altri di questa tappa) si percorre la ss.48 (Strada delle Dolomiti, o Große Dolomitenstraße) costruita tra il 1897 e il 1909 per collegare Bolzano con Dobbiaco, su impulso di Theodor Christomannos (1854-1911) pioniere del turismo alpino (che a giusto titolo può essere ritenuto l’“inventore” delle salite di Costalunga, Pordoi e Falzarego, come le conosciamo oggi).
 
PASSO PORDOI (GPM) – km 95
Primo GPM di tappa (1^ cat.), situato tra il Gruppo Sella (nord) e la Marmolada (sud), il Passo Pordoi è un appuntamento classico della corsa rosa. A testimonianza di ciò il monumento al campionissimo Fausto Coppi. Nel versante veneto del passo si trova un Ossario che raccoglie i resti di soldati tedeschi e austro-ungarici caduti nella Grande Guerra. Nei ripiani esterni sono invece tumulati i resti di caduti tedeschi della Wehrmacht della Seconda Guerra Mondiale.
 
PASSO SELLA (GPM) – km 107
Sempre in un paesaggio di spettacolare bellezza naturale e ambientale, si entra nella provincia di Trento per scalare il Passo Sella (GPM 2^ cat.), altro scenario di montagne incantate ben note agli appassionati e ai praticanti. Girando in senso orario attorno al massiccio del Sella, lo sguardo sulle montagne incontra il Sasso Lungo.
 
PLAN DE GRALBA (zona rifornimento) – km 112 e PASSO GARDENA (KOM) – km 118
 
CORVARA (traguardo volante) – km 127
Passando per Colfosco si scende a Corvara (in questo punto della tappa Traguardo Volante) nel cuore della Val Badia. Sulla sinistra si impone la sagoma del Sassongher montagna che è il simbolo di Corvara e la protegge da nord.
 
PASSO CAMPOLONGO (GPM) – km 133
Si risale immediatamente, in un paesaggio aperto coronato da famose cime dolomitiche, verso il Passo Campolongo (GPM 2^ cat.).
 
ARABBA – km 137
Si ripassa per Arabba e qui si chiude il primo anello (attorno al massiccio del Sella), noto a sciatori e ciclisti come “Sella Ronda”.
 
PIEVE DI LIVINALLONGO – km 144
Fu teatro di alcuni degli episodi più cruenti della Prima Guerra Mondiale, tra cui i combattimenti per il possesso della cima del Col di Lana.
 
COLLE SANTA LUCIA – km 157
Dal noto Belvedere si possono ammirare Pelmo e Civetta.
 
PASSO GIAU (GPM) – km 169
La strada, molto panoramica, fra pascoli aperti e boschi con le cime del Nuvolau, dell’Averau abbraccia con lo sguardo (o lungo la salita o in cima al passo) la Marmolada, il Gruppo Sella, le Tofane, il Cristallo e altre meraviglie naturali delle Dolomiti.
 
POCOL – km 179
A Pocol, località di Cortina d’Ampezzo, sorge un Sacrario militare per i caduti della Prima Guerra Mondiale. Cortina d’Ampezzo è soprannominata la “regina delle Dolomiti” ed è il più grande e famoso dei 18 comuni che formano la Ladinia. Rinomata località turistica invernale ed estiva, ha ospitato le Olimpiadi invernali del 1956. Nello Stato Veneto dal 1420, fino al 1511 fu parte integrante del Cadore, passò al Tirolo (sotto il dominio austro-ungarico 1511-1918), poi alla provincia di Trento fino al 1923, anno in cui fu annessa alla provincia di Belluno. Cortina è circondata a 360° dalle Dolomiti Ampezzane (facenti parte delle Dolomiti di Sesto-Braies-Ampezzo, nelle Alpi Orientali) che conferiscono alla vallata una bellezza unica al mondo. Tra le montagne più famose si ricordano Tofane, Pomagagnon, Cristallo, Faloria, Sorapiss, Becco del Mezzodì, Croda da Lago e Nuvolau.




PASSO FALZAREGO – km 189
Passo di nobile e lunga storia che regala splendide vedute (le montagne della conca di Cortina d’Ampezzo). Il nome Falzarego deriva dal ladino “fàlza régo” (“falso re”), appellativo che si riferirebbe ad un leggendario sovrano del regno dei Fanes, che avrebbe usurpato il trono al suo legittimo detentore e si sarebbe successivamente tramutato in pietra per aver ingannato il proprio popolo.
 
PASSO VALPAROLA (GPM) – km 191
Lo sguardo sulle Dolomiti spazia dal Sassongher, al Gardenaccia e Sass Putia.
 
SAN CASSIANO – km 201
Nota località turistica nel comune di Badia, importante stazione sciistica, frequentata dal turismo invernale ma anche estivo. In centro al paese si trova il Museum Ursus Ladinicus, succursale del Museum Ladin, che espone alcuni fossili ritrovati nella zona ed i resti dell'orso ritrovati nel 1987 nella Grotta sulla Cima Conturines.
 
LA VILLA/STERN – km 205
La Villa vi sono il castello rinascimentale di Colz, la famosa pista di sci della Gran Risa e la gloriosa Maria Canins, eclettica campionessa nello sci di fondo e nel ciclismo (vincitrice di 2 Tour de France, 1985 e 1986, e seconda nelle successive 3 occasioni). Qui il percorso presenta la novità del “muro del gatto”.
 
CORVARA – km 210
Corvara accoglierà l’arrivo della tappa nel medesimo punto della Maratona dles Dolomites, una regina delle Granfondo che quest’anno celebra i trent’anni dalla prima edizione.
Corvara sorge nella splendida conca che forma la parte alta della Val Badia, ai piedi del magnificente gruppo Sella in uno scenario naturale, preservato e curato, contrappuntato da verdissimi prati con dolcissime ondulazioni e declivi. Proteggono la conca famose e maestose cime dolomitiche, tra cui il Sassongher montagna che è il simbolo di Corvara. È una rinomatissima località che attira il turismo, sia quello estivo, sia quello invernale, sempre con le sue allettanti prerogative con le tradizioni armonicamente inserite nella modernità e un’attenta, sentita, cultura dell’ospitalità che si esprime pure attraverso le proposte gastronomiche tipiche, in vari ambiti.
I tipici edifici della valle trovano differenti esemplari di rilievo, sia civili, sia religiosi. Gli abitanti, così come per altri centri circostanti, sono di lingua e tradizioni ladine.
Il Giro d’Italia approda qui con una tappa per la sesta volta. Nel 1989 vittoria di Flavio Giupponi (si arrivava a Colfosco), nel 1992 si impone Franco Vona, nel 1993 due arrivi in successione con vittorie di Moreno Argentin e Claudio Chiappucci. Conclude la serie nel 2002 Julio Perez Cuapio.

COPERTURA TV
Le immagini della 99° edizione del Giro d’Italia vengono distribuite ai quattro angoli del globo: sono 184 i Paesi collegati con la Corsa Rosa, tramite 29 diversi network televisivi, 24 dei quali trasmettono in diretta.

IN ITALIA
RAI – Radio Televisione Italiana, storico host broadcaster dell’evento, garantisce alla Corsa Rosa ampia copertura. Il racconto delle fasi live delle tappe è articolato in tre distinte trasmissioni: si comincia con “Prima diretta” su Rai Sport 1, per passare in simulcast anche su Rai 3 e Rai HD a “Giro in diretta” nella fascia oraria 15:10 - 16:15, che lancia “Giro all’arrivo”, cronaca dell’ora finale di gara fino alle 17:15. Subito a ruota, le tradizionali analisi del dopo gara del Processo alla Tappa con chiusura alle 18:00. 
Telecamere puntate anche sulla partenza, con Giro Mattina che dal relativo villaggio trasmette su Rai Sport 1 operazioni di firma, interviste e il via della tappa, soffermandosi anche su aspetti di colore. Aneddoti e approfondimenti storici e culturali garantiti dalla rubrica “Viaggio nell’Italia del Giro”.
Per chi non ha la possibilità di seguire l’evento nel pomeriggio, completano il quadro la trasmissione serale TGiro, con il racconto della giornata appena conclusa, a partire dalle 20:00 su Rai Sport 1 e la successiva Giro Notte, riassunto di 90’ della tappa in programma per le 22:45 su Rai Sport 2. Streaming della Corsa Rosa sul sito 
www.rai.tv.

NEL MONDO
In Italia l’evento può essere seguito in diretta anche su Eurosport, che copre tutto il continente europeo grazie alle sue trasmissioni on-site in apertura alle 14:15 e al commento in 19 diverse lingue, distribuito in 53 Paesi.
In Francia invece, la diretta delle tappe ha luogo in esclusiva su beINSports, con approfondimenti direttamente dal campo di gara.
L’emittente pubblica olandese NOS trasmette gli ultimi 90 minuti delle tappe disputate nei fine settimana e gli highlights giornalieri di ogni frazione.
Copertura televisiva in chiaro in Europa è prevista anche per gli appassionati fiamminghi (con le dirette di VRT), danesi (live su TV2 Denmark), svizzeri (grazie a SRG SSR), spagnoli (diretta su Teledeporte e sull’emittente basca EITB) e kazaki, con gli highlights trasmessi da Kaz Sports.
La Corsa Rosa sbarca in America Latina grazie al network ESPN, che copre l’evento in diretta grazie al commento portoghese in Brasile, inglese nei Caraibi e in spagnolo nei rimanenti Paesi del Sudamerica. Ampia scelta per gli appassionati colombiani, che possono sintonizzarsi per seguire il live anche su RCN e su Señal Colombia. TDN garantisce la diretta in Messico e America Centrale, mentre beIN Sports trasmette negli Stati Uniti e RDS per il pubblico francofono del Canada.
Giro d’Italia anche sugli schermi di Medio Oriente e Nord Africa grazie alle dirette di beIN Sports, mentre in Sudafrica e Africa Subsahariana l’evento è visibile su vari canali dell’emittente Supersport.
In Asia, lo spettacolo della Corsa Rosa viene offerto in diretta in 16 Paesi grazie a Eurosport Asia Pacific; J Sports trasmette live in esclusiva in Giappone, altrettanto fa LeTV in Cina.
Gli highlights della gara sono poi visibili su FPT Telecom in Vietnam, mentre a beneficio del pubblico thailandese le fasi salienti delle tappe sono in programmazione sia su True Visions che su NOW26.
In Australia si conferma anche nel 2016 grande interesse per il Giro: SBS trasmette tutte le 21 le tappe in diretta, mentre Fox Sports ne offre gli highlights. Sia dirette, sia riassunti giornalieri in Nuova Zelanda grazie a Sky.
Infine, le immagini della Corsa Rosa vengono distribuite in tutto il mondo attraverso la piattaforma SNTV - Sports News Television e grazie a Sport24, il canale sportivo 24 ore su 24 rivolto al pubblico dei passeggeri di aerei e navi da crociera.

GIRO D’ITALIA – RIDE GREEN
Nella tappa di ieri raccolti oltre 2.800 kg di rifiuti, di cui l'82% sarà riciclato. Il totale fino ad ora è di quasi 28 tonnellate di rifiuti raccolti.


#Giro
 

PHOTO CREDIT: ANSA - PERI / DI MEO / ZENNARO
VIDEO CREDIT: ANSA - BAZZ




 ;

Video

 ;

 ;

 ;

 ;

 ;

TADEJ POGACAR ha vinto il GIRO D'ITALIA edizione 107 - TIM MERLIER [...] LA MAGLIA ROSA TADEJ POGACAR VINCE LA VENTESIMA TAPPA DEL GIRO [...] ANDREA VENDRAME VINCE LA DICIANNOVESIMA TAPPA DEL GIRO D’ITALIA [...] TIM MERLIER VINCE LA DICIOTTESIMA TAPPA DEL GIRO D’ITALIA TADEJ [...]