San Daniele premia la prima volta di Giacomo Villa! pubblicato il 04/10/2022

San Daniele premia la prima volta di Giacomo Villa!

San Daniele del Friuli (Ud), 4 ottobre 2022 - Un magnifico spettacolo ciclistico. Questo è stata l'85^ Coppa Città di San Daniele, classica di fine stagione per élite e under 23 organizzata dall'UC Sandanielesi - che domenica aveva proposto la 1^ Coppa Città di San Daniele Rosa -, corsa seguita, come di consueto, da un pubblico appassionato e numeroso, che non è rimasto deluso. La vittoria se l'è presa Giacomo Villa (Biesse Carrera), che nell'elettrizzante finale ha regolato con una magistrale stoccata il gruppetto dei migliori. Secondo posto per Martin Nessler (Sissio Team), terzo Francesco Busatto (General Store-Essegibi-F.lli Curia). La maglia di campione provinciale under 23 di Udine è andata a Nicolò Buratti (Cycling Team Friuli), quarto sul traguardo. 

Come detto, la gara è stata intensa e divertente, aperta fin dalle prime battute, resa dura e combattuta dal tradizionale, spettacolare percorso, che ha esaltato i protagonisti. A aprire le danze è stato il coraggioso tentativo di Marco Cao (Trevigiani), che ha allungato dopo 44 dei 140 km in programma. Un'azione decisa, che ha consentito al veneto di Cordignano di mettere insieme un vantaggio massimo superiore ai due minuti. 

Il gruppo sembrava faticare a organizzarsi, così a evadere sono stati Edoardo Faresin (Zalf Euromobil Désirée Fior) e il marocchino Imad Sekkak (Palazzago), tra i grandi protagonisti della classifica friulana. La corsa, a questo punto, si è stappata e è diventata bellissima, con tante azioni che hanno fatto dell'incertezza l'elemento caratterizzante della gara. 

A accentuare ulteriormente la selezione sono stati quindi i due Gpm, posti sul Monte di Ragogna: 2,5 km senza tregua, affrontati anche dai professionisti al Giro d'Italia. Al comando, all'inizio della prima ascesa, c'erano Edoardo Faresin (Zalf Euromobil Désirée Fior), Davide Bauce (Gallina Ecotek Lucchini), Matteo Baseggio (Trevigiani) e Sekkak. In testa sono rimasti, quindi, Faresin e il corridore marocchino. Un'azione, quella della coppia, che si è protratta sino al finale, quando al comando si è formato un drappello di 30 unità.

Al secondo Gpm hanno scollinato per primi Lucio Pierantozzi (Lucio Futura-Team Rosini), Buratti e Busatto, ma la corsa era ancora tutta da fare e gli ultimi km sono stati zeppi di intensità e emozioni. In discesa è stato Busatto a provarci, ma il suo tentivo è stato ricucito: l'85^ Coppa Città di San Daniele si è deciso con uno sprint a ranghi ridotti sulla rampa verso il traguardo di via Umberto I. Villa si è esaltato: accelerazione fulminea, successo netto: il primo del 2022 per il 20enne lombardo. 

"Oggi ho dato tutto – ha detto Villa -, l'obiettivo era la vittoria. È il finale di stagione, ma per la prossima ci sono buoni propositi. Dedico il successo alla mia famiglia e alla squadra, che ci sostiene sempre". Alla classica friulana erano presenti il ct della nazionale italiana under 23, Marino Amadori, i presidenti della Federciclismo Fvg, Stefano Bandolin, di Udine, Domenico De Filippo, e Pordenone, Raffaele Padrone, oltre al presidente di WeLikeBike, Francesco Ciani, e alle amministrazioni comunali di San Daniele, Ragogna e Rive d'Arcano. "San Daniele – ha detto il sindaco Pietro Valent – si conferma città delle due ruote nel nostro Friuli. Fa un certo effetto dire che questa è l'edizione numero 85 della Coppa Città di San Daniele". 

Ordine d'arrivo:
1° Giacomo Villa (Biesse-Carrera)
2° Martin Nessler (Sissio Team) a 1"
3° Francesco Busatto (General Store-Essegibi-F.lli Curia) a 2"
4° Nicolò Buratti (Cycling Team Friuli)
5° Imad Sekkak (Palazzago)
6° Giacomo Garavaglia (Work Service)
7° Thomas Pesenti (Beltrami TSA Tre Colli)
8° Giovanni De Carlo (Carnovali)
9° Lucio Pierantozzi (Futura Team-Rosini)
10° Filippo D'Aiuto (General Store-Essegibi-F.lli Curia)


Photo Credits: Photors.it




 ;

TIRRENO-ADRIATICO: RITORNA L'ARRIVO IN SALITA I ciclisti italiani piangono Davide Rebellin Philippe Gilbert conquista Monaco Giro Italia Ciclocross, tutte rosa le montagne di Ovindoli